BUON NATALE DA CASA NOUBS!


Le Edizioni Noubs vi augurano un giorno ricolmo di ricchezza.. Quella che anche a Monti resiste. Quale?

Leggete cosa hanno scritto i nostri amici dell’Olandesevolante.net. E’ anche il nostro dono.

Auguri cari da casa Noubs!

Ladakh, una dimensione dell’Anima.

di Elisabetta Gueli

Non puoi percorrere la Via prima di essere diventato la Via stessa.

Gautama Buddha

Viaggiare in alcune parti dell’India, poche in verità, rispetto alla sua sconfinata estensione, mi ha insegnato che questo Paese dall’energia fortissima, nutriente e ristoratrice, chiarificatrice ed essenziale, una volta attraversate le sue pianure sconfinate, i suoi fiumi estesi come laghi, le sue montagne scabre od innevate, è una dimensione dell’Anima, oltre che un luogo fisico. Dell’anima proteiforme di noi esseri multidimensionali, ricetrasmittenti d’infiniti messaggi cosmici ed ultracosmici, di noi alberi con le radici saldamente piantate in terra, ma con le chiome rivolte al cielo, e con i corpi-tronchi intensamente impegnati nella difficile arte della costante trasformazione.

Decisi di regalarmi un intero mese in India il giorno in cui fui libera dalla servitù del lavoro. Perché fu proprio il Ladakh a chiamarmi, è uno di quei misteri che soltanto il dipanarsi delle proprie giornate nel luogo magico dell’India riesce a svelare. Dove, se perdi la centratura e ti lasci distrarre dalle chiacchiere e dalle innumerevoli maya mondane, a volte, rischi anche la vita.

Dopo la dolcezza di Shrinagar la Bella, adagiata in pianura coi suoi laghi costellati di fiori di loto, il suo coprifuoco serale per la conflittualità col Pakistan, i controlli dei militari, sempre sorridenti e bellissimi nelle loro uniformi da carica dei Seicento, ed il suo tempio di Shiva-Lingam in cima ad un’alta collina, a cui si arriva a piedi nell’ultimo tratto, e si perde anche il senso spazio-temporale, di fronte al dispiegarsi a trecentosessanta gradi dell’intero orizzonte cittadino, il Laddakh te lo devi conquistare su strade trafficatissime da camion, a volte in terra battuta, a volte dissestate dalla neve, strette e con tornanti a duemila metri, e sotto di te l’abisso. Poi arriva un passo di cinquemila e trecento metri in cui viene a mancare l’ossigeno, a te, piccolo occidentale poco aduso alle altitudini. Il silenzio e la luce sono essenziali, inesprimibili, primordiali. Tutto è intatto come millenni fa, e come sarà per i millenni prossimi. Puoi contemplare ghiacciai innevati scintillanti nell’implacabile sole, dissetarti ad un ruscello gelido e limpido di acque cristalline, e nei pressi rinvenire una pietra a forma di cuore, pietra delle origini scolpita dai monsoni e rilasciata dai fianchi di montagne ocra, azzurre, grigie, marroni, rosse, violette, una diversa dall’altra, per forma e colore, che si allineano e si inseguono per chilometri e chilometri, alternate a pianure desertiche ed al sinuoso scorrere del fiume Indo. Qui ho visto coloro che definii “i dannati della terra”, e di certo, insieme ai garimpeiros brasiliani, ai minatori delle miniere di diamanti africane, ed ai minatori del carbone di tutto il mondo, essi lo sono. Un centinaio di lavoratori di etnia Tamil, piccoli di statura, esili e scuri di pelle, in una temperatura diurna di 30°-35° gradi, malgrado l’enorme sbalzo termico notturno, scioglievano il catrame per l’asfalto su grandi teglie di ferro al calore del carbone, e poi con le mani protette da improbabili stracci, lo versavano sulla massicciata per asfaltare la strada. L’odore ed il calore erano insopportabili, le loro condizioni di lavoro ancor di più.

Ho visto e fotografato molti sorrisi di bimbi bellissimi, sempre allegri e giocherelloni, che ci guardavano come dèi scesi da un’astronave, e ci facevano sentire dissonanti per i nostri vestiti e la nostra agiatezza, ma molto meno ricchi di allegria e vitalità. Bambini spuntavano dalle masserie isolate, povere case di agricoltori, ma sempre ravvivate dai colori del paese sul tetto, bianco, rosso, azzurro ed ocra, e dalle bandierine di preghiera nel vento, sciamavano dai templi elaborati e magari ci chiedevano un passaggio in città, a Leh, la capitale, e noi offrivamo loro il pranzo e la Coca Cola, ripresi dal monaco più grande (avrà avuto vent’anni!), come diseducatori internazionali. Questi bambini indossavano la veste rossa del lama, perché in un paese dalle risorse limitate e feudale nel suo ordinamento, divenire monaco in tenera età è la sola possibilità offerta per studiare. Poi, a cento chilometri da Leh, aggrappato su di un picco che guarda la valle ed il fiume coi suoi pioppi di un verde tenero, spunta improvviso il monastero di Lama Yuru, in cui ci accolse un monaco con i Ray Ban e sneakers firmate ai piedi, che masticava chewing-gum, un giovane moderno! Un segno che i desideri umani illudono anche e soprattutto in questa parte di mondo, oppure una mimetizzazione allo scopo di far sentire l’ospite a proprio agio? Secondo remote storie locali, pare che Lama Yuru fosse una donna che ad un certo punto resse il monastero per anni, cosa inconsueta nella loro cultura, in cui un monastero maschile deve essere governato da un uomo.

Ma osservando da una finestra di legno uno scorcio del paesaggio sottostante, affioravano ricordi ed immagini di una vita precedente, ed anche dal canto mantrico del monaco che ci portò in una stanza del monastero ricca di tankas e rotoli di libri, ed innalzò una preghiera antica per noi. E se qualcuno ritiene che si tratti di mero déjà-vu, glielo lascio credere volentieri. Dormendo nella foresteria del monastero, al mattino persi il mio anello d’argento con l’OM. Pensai: sarà un piacevole dono per chi lo trova… Nulla al mondo ci appartiene, tutto è in prestito temporaneo.

Un uomo in uniforme chiese un passaggio per gli ultimi cento chilometri che ci separavano da Leh, e si sedette accanto a me. Era un poliziotto musulmano, forse un vero viandante, forse inviato per spiarci…chissà. La cosa è indifferente per chi non ha nulla da nascondere. Parlammo a lungo, di religione, del Corano, gli dissi che l’unica religione che sento è nel cuore, non nei libri, ed è la religione dell’Amore. Mi guardava con ammirazione e con occhi spalancati di sorpresa, forse mai aveva sfiorato tali argomenti con una donna, e per di più straniera. Prima di lasciarci mi domandò il mio nome, glielo dissi e gli chiesi perché volesse conoscerlo. Mi rispose: “Per ricordarti nelle mie preghiere”. Allora anch’io volli conoscere il suo, e posso dichiarare che nelle mie meditazioni Mustafa ha soggiornato a lungo.

Ogni anno in agosto, in concomitanza col plenilunio, il Dalai Lama va per una settimana da Dharamsala a Leh, nel Piccolo Tibet, e tiene una serie di conferenze su un’enorme spianata all’estremità della città, cui affluiscono uomini e donne da tutto il paese, ed anche stranieri di passaggio. Le donne indossano i loro costumi tipici, ricchi di coralli dell’Himalaya e di turchesi molto grosse e semplicemente lavorate, e collane di perle di fiume. Sono bellissime, come le nostre donne sarde col vestito della festa. Per tre pomeriggi e sere ho assistito a queste conferenze, accolta in un lato del campo riservato ai turisti, in cui un interprete traduce in simultanea dal tibetano all’inglese i discorsi di Tenzin Gyatso, Oceano di Saggezza. Anche se non si dovrebbero mai fare confronti, perché ognuno ed ogni cosa è così com’è, non ho potuto fare a meno di paragonare questi discorsi del Dalai Lama alle adunate oceaniche in piazza San Pietro, a Roma, altro luogo di emozioni e devozione per molti. Da queste ultime ricevo un’energia pesante e colpevolizzante, mentre il Dalai Lama elargiva con leggerezza i suoi insegnamenti di vita, colto e semplice, poliedrico e sempre allegro. Riusciva a creare un’atmosfera di gioia e benessere in ogni ascoltatore, che fosse pastore, contadino o mercante, e su tutto una luna piena sorniona e benedicente che saliva nel cielo color lapislazzulo, festeggiata anche agli antipodi dai fratelli Lakota. I discorsi del Dalai Lama mi spinsero ad una riflessione: e se il volto amorfo e segreto del Divino fosse nella Gioia? E nella semplicità?

Ho trovato il divino in Ladakh negli occhi di molti e nella natura estrema, ed anche avidità, a volte, ed accettazione, semplicità, gioia.

Ho visto tutto tranne la povertà. Solo chi si sente povero è povero davvero.

tratto da http://www.lolandesevolante.net/

Annunci

One thought on “BUON NATALE DA CASA NOUBS!

  1. MICHELE ANGELO GHILOTTI ha detto:

    E’un meraviglioso affresco di semplicità e serenità.
    Difficile da comprendere e soprattutto da ricreare per noi occidentali, alfieri di una società e di uno stile di vita che cozza con l’anima vera del mondo ora come non mai.
    L’occidente è al tramonto, e stavolta ci è sul serio.
    Spero solo che la moltitudine che lo popola sia in grado di “liberarsi” e di “liberarlo” per sempre da questa “lunga notte”.
    Non so se la risposta è veramente a “oriente”, ma nel frattempo mi godo questa bellissima pagina…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: