APPUNTI PER UNA CRITICA DELLA STORIA DELL’ARTE, di MASSIMO PAMIO


Buongiorno cari lettori.

Iniziamo questo 10 Gennaio 2012 con “intenti saggistici”: a voi, infatti, una riflessione di valorosa portata critica, nella sua accezione più genuina, sull’arte pittorica, a cura del direttore editoriale NOUBS, cav. Massimo Pamio.

A voi un congruo giudizio!

Buona lettura…

APPUNTI PER UNA CRITICA DELLA STORIA DELL’ARTE

di Massimo Pamio

  L’arte pittorica è connaturata alla mente umana, nasce da una predisposizione. Il primo       graffito fu atto magico, apotropaico, proiezione animistica – sovrapposizione del proprio afflato predatorio con il corpo della preda- poi divenne simbolo, idea, manifestazione culturale: capacità della rappresentazione dell’immagine presso le diverse civiltà, così come risulta condizionata dalla committenza. L’arte aiuta a comprendere l’idea che il potere elabora di sé.
Nel medioevo, in Italia, l’artista doveva tradurre in scene pittoriche episodi evangelici o biblici attenendosi al dettato religioso: ridotto a scenografo, a tecnico delle luci impiegato alla messa in scena della rappresentazione sacra, il didascalico artista formalizzava il discrimine tra società sacra (dei potenti) e profana (del popolo). Unica personalizzazione concessa, quella di cogliere nei volti profondità inusitate, espressioni indimenticabili, che forse gli angeli non possedevano. I corpi erano ridotti a concetti astratti, a stampelle di abiti o di anime. Sfugge a questa regola un Lorenzetti, dai cui quadri a volte può trasparire la sensualità del corpo.
Con l’Umanesimo e il Rinascimento, i pittori passano alle dipendenze di una classe narcisista che ama farsi riprodurre nella sua regalità, in abiti sontuosi, per motivi pubblicitari: papi, cardinali, principi, banchieri, magnati del commercio dei tessuti. Michelangelo dipinge la Cappella Sistina: il Dito di Dio e il dito di Adamo-Michelangelo sono la congiunzione simbolica del mecenate e illuminato committente – il Papa stesso- con il genio Michelangelo, precario ante litteram.
I signori rinascimentali amano farsi riprodurre in scene mitologiche o come attori di scene evangeliche. Si fanno largo le architetture della Ragione; i modelli rappresentativi dell’ideale signorile prevalgono sul rispetto canonico del pensiero religioso. Ne è esempio la Flagellazione di Pier della Francesca, dove si vive quasi con distacco la flagellazione del Cristo, posta in secondo piano.
I corpi sono mostrati nella nudità, in movimento.  Nudità quale opulente simbolo della società.
Con Carpaccio e Signorelli protagonisti della rappresentazione si fanno l’uomo e la folla, sebbene le storie siano sempre legare al racconto del potere. Nelle opere di Gerolamo Romanino e Giovan Gerolamo Savoldo cominciamo a scorgere persone e non più personaggi, gli uomini comuni rubano la scena ai signori e ai cardinali.
Non poteva un artigiano, dati i costi dei materiali, fare a meno dei gusti del committente. In seguito, i pittori fondano scuole, si procurano allievi, coinvolgono maestranze, divengono piccoli imprenditori: nonostante questo, raramente l’arte è svincolata dai dettami dei richiedenti; una sorta di autocensura regna tra gli artisti, la cui fantasia è imbrigliata dalle maglie della paura di perdere ordini e dall’assuefazione al “quieto vivere”: atteggiamento di cui gli storici dovrebbero tener conto se vogliono riferire fino in fondo le vicende del nostro popolo, dominato dal sentimento dell’ipocrisia, dal servilismo, incline più alla maldicenza che all’eroismo o alla difesa dei diritti e delle libertà, come attestano polemicamente Leopardi, Longanesi, Flaiano, Pasolini, Saviano, rari esemplari di Grillobeppe parlante nel panorama omertoso nazionale.


Sono pochi gli artisti che ci fanno intravedere un barlume della libertà, come Giuseppe Arcimboldi. L’Arcimboldo nasce a Milano nel 1527. Nel Seicento, le libertà si fanno più evidenti, operano Domenico Fetti, Carracci, Caravaggio, Cagnacci, Schedoni. Tra riforme e controriforme, comunque, i poteri forti rendono l’arte ancora un fenomeno autocelebrativo. Nel Settecento, Arcadia e manierismo assoggettano l’arte a principi di restaurazione. Nell’Ottocento l’occasione per restare entro principi conservatori è offerta dal confronto-scontro con la tecnologia (la fotografia) – per difendersi, l’arte ripiega su di sé e diventa arte del colore, della rappresentazione del colore nello spazio: l’immagine viene scissa nelle sue componenti, e alla fine cade nelle grinfie dell’avversaria: viene “matematizzata” (fino a consumarsi entropicamente, alla fine del Novecento, in pixel).
Con le avanguardie del Novecento nasce la reazione al conformismo.
Nei secoli, l’arte è al servizio della rappresentazione del potere: tentativo della classe dominante di spacciare la raffigurazione della realtà come proiezione della propria immagine, del proprio doppio, dei propri ideali. Tentativo di svuotare di senso polisemico la forza della rappresentazione. Nella società dello spettacolo, la duplicazione diventa il fine d’ogni gesto umano. Le nostre azioni non hanno senso se non sono rafforzate dalla ripresa televisiva, fotografica. Il morphing, ovvero il lifting della rappresentazione del corpo umano nel mondo postpittorico, appare come un caso che riassume esemplarmente l’argomento trattato. Esso ci palesa come quel che conti non riguardi il senso dell’immagine, bensì la capacità di un’immagine di trasformarsi in un’altra, di occupare quella dell’altro per poi tornare nella propria come nulla. Di togliere al corpo le sue caratteristiche somatiche per presentarle come simulacro del potere e della capacità che ha il potere di confrontarsi con l’altro (il diverso, il contestatore, l’asservito), assimilandolo e negando la propria faccia ma rimanendo identico a se stesso nella sostanza.
L’arte è anche storia della rappresentazione del corpo. Nel periodo umanistico e prerinascimentale, da una parte si sviluppa una rappresentazione effeminata del corpo –la grazia di Perugino- dall’altra il corpo dell’uomo appare trafitto dal peccato della libidine (San Sebastiano) o corrotto dalla morte (il Cristo del Mantegna). In ogni caso è il corpo in tutte le sue accezioni –come maschera dell’abito o come corpo visibile mascherato da volti, da corpi sottoposti alla Legge del peccato- a essere al centro dell’attenzione. Dietro la presenza ossessiva dei corpi mai liberi si rivela un pregiudizio concettuale, che rimanda alla rappresentazione dell’idea che il potere clericale ha di sé ma rimuove, e che si traduce nella costituzione di una casta sacerdotale votata alla castità il cui totem, il Mistero divino, cela il principio fondante segreto e iniziatico dell’omosessualità. Il senso dell’arte qui risiede in una beffa paradossale, del Dio invisibile trasformato nel corpo della classe dedita alla liturgia della rimozione dell’omosessualità.
Nell’età moderna, l’economia diviene attività prevalente dell’uomo, il simbolo della sua personalità si abbina al potere economico, il potere si rispecchia nella legge del profitto e del commercio. L’invisibile, il potere, è il denaro e dunque ogni cosa può essere mercificata. Il senso dell’arte, stavolta, rappresenta la beffa dell’opera che, secondo una definizione estetico-romantica, dovrebbe sfuggire al denaro, mentre invece lo nasconde come vero Dio irrappresentabile. L’irrappresentabile è la merce divenuta moneta. Ecco che nell’ultima fase della storia della pittura domina l’astratto, raffigurazione del potere invisibile del profitto che si fa accumulo nelle gallerie “bianche” newyorchesi: il potere è in mano alla committenza che vuole opere anonime, d’arredo. Il quadro pertanto deve avere una funzione anodina che non ricordi tanto la presenza quanto piuttosto l’assenza dell’umano, ormai in mano ai meccanismi della progressiva accumulazione del denaro e del profitto. Il quadro mette in scena la rappresentazione della circolazione delle merci. I paesaggi e i corpi scompaiono e diventano macchie di colore. Il flusso della circolazione del denaro e delle merci rende tutto astratto, ovvero circolante. Non c’è un centro, ma tutto è periferia. La cancellazione del sentimento, dell’espressione: le emozioni non sono comprabili, né possono circolare. Bisognerà attendere gli ultimi performer (quelli che usano il  video, oppure Vanessa Beecroft che usa i corpi umani per fare installazioni) per tornare alla fase della spettacolarizzazione del flusso delle merci, in cui il corpo e le sue emozioni divengono parte del flusso circolante del profitto. Si vendono lacrime dietro sponsorizzazioni, si scambiano emozioni e si creano fiction, reality, in cui a pagare sono le emozioni più semplici, le leggi più elementari della convivenza (il comando, le alleanze tra individui contro altri, per creare potere e emarginazione, ecc.). Insomma, lo spettacolo diventa merce: l’astratto ridiventa reale in una finzione che è quella del falso che prende il posto della realtà. Di qui la corrente iperrealista, che ha previsto anzitempo le mosse del potere e del capitale.
In realtà l’arte è sempre in qualche modo asservita. Come diceva Marx l’arte è sovrastruttura. L’arte rappresenta sempre il volto invisibile del potere: ne è la maschera, la maschera “estetica”, la “maschera di bellezza”.
L’arte è tutto ciò che gli uomini chiamano arte. A questa tautologica definizione sfugge un dettaglio per essere perfetta: è arte quello che un gruppo di uomini di potere definisce come arte. Perché il potere dei cialtroni che fanno del tempio un mercato (e mai come in questo periodo il mercato fa l’arte, ovvero la detta, la forma a sua immagine e somiglianza, non diversamente di come fecero i potenti nel passato) è icona del potere, anche se, bisogna aggiungere, quest’immagine è frutto di un conflitto (da una parte i vincenti, Cucchi, Paladino, Rotella, Chia, Pistoletto, Kounellis, Clementi, Cattelan, Beecroft, dall’altra i perdenti che alla fine non contano nulla – e ci sono tanti artisti sommi sconosciuti, oggi, come ieri). Quindi l’arte è l’effetto di un modo sapiente e leccapiedi messo a profitto da parte di coloro che sfruttano le opportunità del loro tempo e comunicano e impongono la loro concezione dell’arte esprimendo le maschere dietro cui si cela il loro individuo, la loro vis creativa (da un punto di vista psicanalitico, la violenza che ha operato su di loro il sistema). Essi denunciano meglio di ogni altro lo sfruttamento, la violenza – perché più di altri hanno subito violenza. Gli “approfittatori”, gli opportunisti che riescono a imporsi sono coloro cui è stata inferta, nel profondo, la maggiore violenza. Allora ben venga questo riscatto che si traduce in celebrità anche se diventa l’espressione di un’ulteriore forma di violenza, quella appunto da loro subita, celata o sublimata nelle opere, usate come maschera, in cui proiettano l’immagine della violenza che la società ha compiuto sulle loro sensibilità. Che cos’è quell’incontro tra le dita di Dio e dell’uomo Adamo nella Cappella Sistina se non la rappresentazione dell’incontro che l’arte ha con il Potere? Ovvero dell’incontro del servo leccapiedi con il potente, mentre più lontano ecco, nella scena del Giudizio Universale, tutta la pletora dei piccoli servi (i buoni da paradiso e i cattivi da inferno, ovvero quelli che sono stati ligi al potere e quelli che non lo sono stati), piccoli spettatori della scena madre. Ecco rappresentata in modo mirabile e universale la scena del potere tiranno che costringe un artista a sconfessare se stesso e gli altri, a vendere la propria anima per un tozzo di pane. Che cosa rimane per un artista? Essere meno sofferente, sperare in un Dio che non sia morto generando l’universo. Un Dio tiranno d’amore, è questa l’illusione per cui vivere. Al di là di ogni pochezza dell’uomo e anche della pochezza dei sommi artisti (o di quelli che il potere ha imposto o che si sono imposti grazie al loro asservimento al potere).
Per Guy Debord, l’arte, nella nuova epoca dei musei, muore, perché la comunicazione artistica è impossibile, l’oggetto d’arte essendo divenuto un fossile da contemplare dietro una vetrina. Senonché, il gesto di un solo uomo che getta vernice rossa nella fontana di piazza Navona, fa il giro del mondo e ottiene quello che ormai da più di trent’anni la nostra classe politica non riesce ad attuare: il rilancio pubblicitario dei beni culturali del Belpaese. Un solo gesto rivoluzionario, forma assoluta d’arte, compiuto da uno sconosciuto, arte anonima, sottratta alla mercificazione, alla galleria, e perciò di nuovo comunicativa, si fa universale. A dispetto di Debord e dei politici.

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

One thought on “APPUNTI PER UNA CRITICA DELLA STORIA DELL’ARTE, di MASSIMO PAMIO

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: