PROSEGUE IL VIAGGIO di LUCIANO TROISIO in paesi esotici


Ecco il seguito del viaggio di Luciano Troisio. Buona lettura!

Siamo partiti per andare dal fotografo, incerti se avremmo avuto subito le foto o se bisognava tornare il giorno dopo. Avevamo già percorso il viale d’uscita quando il Papua si è fermato, ha cominciato a gridare, ha fatto marcia indietro, ha caricato un altro connazionale più atletico, suo  amico, di cui non sentivo la mancanza. Arriviamo dal fotografo; intanto dalle colline si vedeva una brutta nuvola nera in avvicinamento. Entro nel negozio enorme, letteralmente colmo di frigoriferi e televisori, di quelli arcaici, ma anche un paio di piatti al plasma. Chiarisco che voglio il fondo rosso. Mi assicurano che c’è. Ecco il contiguo studio del fotografo: una stanza davvero straordinaria. Già ne avevo visto un altro in India. Indimenticabili: drappo bianco verticale, girandolo muta in rosso; all’altro muro, bianchissimo, da ambientazione tragica mediterranea-latina, ci sono tre attaccapanni, ognuno dei quali ha una camicia bianca, una cravatta e una comicissima giacca nera nelle taglie fondamentali. Nella fattispecie sincronica c’era uno stupendo fessacchiotto ventenne, forse abituato a starsene nudo con astuccio penico, già pronto con la giacca che gli stava di un male singolare. Ho estratto la macchina e ho chiesto il permesso di fotografare a mia volta il fotografo al lavoro. Un capolavoro. Sono stato così sciocco da non esigere anch’io almeno la giacca nera. Ci ho pensato dopo: ho perso davvero un’occasione unica, imperdonabile per un giornalista a fine carriera. Foto banalmente decente. Quando me la date? Tra 15 minuti. Allora, per non essere scortese con i miei oceanici accompagnatori, propongo di bere un caffè. Questi approfittano per portarmi nel locale più costoso: Bar Brasil, dove ovviamente loro non sono mai entrati. Parcheggiamo, vedo che non scendono e mi dicono non abbiamo soldi. Allora assicuro: vi offro io. Sono lieto che mi abbiano fatto scoprire questo locale non squallido.

Entriamo. Ci sono solo stranieri e due ragazze voluminose quasi bianche, che parlano portoghese. Bella frutta esposta, torte. Si mettono a confabulare con la cameriera, ben vestita. Ordino un caffè con bricchetto di latte fresco a parte (come puntigliosamente esigeva Cesare al Pedrocchi), loro ordinano due bottiglie di aranciata. Per mia educazione (dentro al collegio sono tutti estremamente educati, anche il bambino di sei anni), mi sforzo di conversare con loro, un po’ in inglese un po’ in portoghese; faccio loro varie domande su vari argomenti: che studi hanno fatto, di dove sono, cosa c’è da vedere, se ci sono chiese e palazzi antichi. Uno sostiene di essere un funzionario amministrativo, parla un po’ di inglese e un po’ di portoghese. Gli chiedo quante ore lavora. Risponde: sono jobless. Mi dice in tono beffardo che l’altro ha studiato dai preti. Poi dichiara che gli piaccio e che berrebbe una birra. Cioè oltre all’aranciata ordina una birra. Mi informo se conoscono nei pressi un internet-point. Vado a pagare: undici dollari. A questo punto l’altro si alza e mi dice che vuole una torta. Esita un po’, quindi ordina una mezza ciambella che gli viene consegnata in un sacchetto nero. Mentre pago altri tre dollari avevano già aperto la vaschetta della torta, nella divisione a unghiate l’avevano spappolata e trangugiata. Torniamo a prendere le foto, poi andiamo subito all’internet-point. Apro yahoo ma non riesco a leggere la mia posta. Notizie: le cinque banche italiane hanno passato lo stress-test, otto europee no. La borsa è negativa. Intanto gli altri due si mettono ad altri due computer. Dopo venti minuti ho finito, ma loro no; esco perché l’aria è irrespirabile, mi siedo nel portico quasi coloniale, passano varie persone, diverse tra loro, alcuni ragazzi mi salutano con gentilezza, altri sono invece strafottenti. Metà delle molte auto sono sontuosi Suv bianchi dell’ONU, oppure pik-up sempre dell’ONU. A bordo si riconoscono bianchi giovani, con occhialetti da funzionario lentigginoso nordico, abatini ignoranti che nella loro vita non sono mai stati così bene, nullafacenti, strapagati. Proteggono (da se stessa) la popolazione indigena che guadagna 50 cent. al giorno pro-capite. La nuvola nera si avvicina, comincia un diluvio. Intanto i due Papua piuttosto bifolchi (ma decido subito di non accennare nulla alla superiora) continuano a fare i loro comodi e mi inquieto: un comportamento strano. Non mi è mai andata a genio la compagnia di indigeni che si appiccicano agli stranieri (soprattutto Bali è piena di manzi locali che cercano di agganciare bianchi: lì la gente è molto più bella; difficile attaccare bottone con ragazze balinesi, per via del ferreo controllo sociale. Ci sono (prostitute) musulmane da altre isole, e parecchi gigolò giavanesi in trasferta, riconoscibili dai capelli lunghissimi e dalla magrezza. Le australiane zitelle creano molti posti di lavoro assai impegnativo). Dopo quasi un’ora entro e intimo di venir via, o minaccio di rientrare da solo. Torniamo nel diluvio: il papua mi chiede i miei programmi per domani (fossi matto).

Annunci
Contrassegnato da tag , ,

One thought on “PROSEGUE IL VIAGGIO di LUCIANO TROISIO in paesi esotici

  1. icittadiniprimaditutto ha detto:

    Reblogged this on i cittadini prima di tutto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Elisabetta P.

Creative storyteller

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: