Archivi giornalieri: 9 marzo 2012

ELIO PAGLIARANI, UN’ALTRA GRANDE VOCE DELLA POESIA ITALIANA CHE SI SPEGNE


Un ricordo affettuoso di Biancamaria Frabotta.

Era un giorno di sole sui binari di un trenino già semiabbandonato che portava i pendolari da Palermo a Catania. Non ricordo l’anno, né la stagione, ma l’occasione ci era stata offerta da un promotore di poesia anticonvenzionale e appassionato come Antonio Presti.Un gruppo di poeti fra cui l’indimenticabile Pagliarani salì su quel treno con il compito di avvicinarsi ai viaggiatori e cominciare a leggere le proprie poesia a voce alta. Dovevo fare così anch’io e forse lo feci, ma m’incantai subito quando Pagliarani,entusiasta di quella opportunità e felice come un ragazzo in trasferta cominciò a scandire fra un gruppo di giovani con il suo inconfondibile ritmo e la sua voce di orco benefico, il travolgente recitativo di Fecaloro. Fra gli studenti, le casalinghe, gli immigrati, i soldati all’improvviso coinvolti in quel rito si diffuse qualcosa di attonito, di deliziosamente impacciato e poi quella voce diffusa e martellata di colpo bastò a sé stessa. Non era spettacolo, non era evento, era un piccolo rito effimero e memorabile. Come appunto è la casuale comparsa della poesia che affiora a tratti e poi si dilegua, scompare, ritorna fra chi meno l’aspetta.Due ragazzi,due giovani meccanici, confusi e catturati, dimenticarono di scendere alla loro fermata. Elio Pagliarani ieri è invece sceso alla sua fermata, ma sulla sua poesia non calerà la tela, seguiterà ad andare dentro di noi.

Contrassegnato da tag , , , ,

INEDITI DI MAURIZIO CICHETTI


Maurizio Cichetti, poeta abruzzese, ci dona due testi inediti.

E sia allora questo rovescio di fuoco

il tuo limite,

il segreto inciampo smisurato

e terribile,

l’adunata lieve dei sogni

e questo vuoto resoconto

da osteria,

sia questo indugio di tenebra

a vincere.

—————

Questo è quanto,

è la folgore bianca che

passa, l’ora sospesa

tra gelo e ferocia,

l’ultima curva prima del

mare, questa è l’attesa

e il suo nome mancato,

la vana rincorsa del cuore.

 

Di Cichetti segnaliamo un articolo in cui ricorda l’indimenticabile Vittoriano Esposito, critico e umanista di chiara fama, amico eccellentissimo.

http://ilcentro.gelocal.it/laquila/cronaca/2012/02/22/news/cichetti-il-professor-esposito-una-personalita-irripetibile-5642504

Contrassegnato da tag ,
FreeWords Magazine

dove il pensiero diventa parola

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

I feel betta

Web Design of the times -(and some food here and there as well)

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

Poetella's Blog

"questo sol m'arde e questo m'innamora"- Michelangelo

Anna&H

sono approdata qui

And Other Poems

Poetry website 2012 - 2018

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

buzzing head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il Blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: