I LETTORI SONO CREATURE RIPUGNANTI


E’ un pezzo vecchio, che andava molto nei blog di anni fa.

E’ ancora attuale, lo riproponiamo, per dire quanto siano insulse le presentazioni dei libri e insulsi coloro che le frequentano (spesso per altri fini!). I libri vanno letti da soli, e gli autori dei libri, come diceva una mia amica, non vorrei mai conoscerli, perché potrebbero essere una delusione cocente!

L’autore è Maria Strofa, nickname di uno scrittore.

I LETTORI SONO ESSERI RIPUGNANTI

I produttori di opere d’arte significative non sono semidei bensì uomini fallibili, spesso nevrotici e minorati. [Theodor Adorno – 1969]
Non ho mai capito perché la gente mediocre dovrebbe smettere di essere mediocre solo perché sa scrivere. [Christian Morgenstern]

Questi due aforismi li sottoscrivo. Nondimeno, se a me fosse mai dato, in virtù di chissà quale sortilegio, di incontrare Dostoevskij, mi getterei ai suoi piedi e piangerei per ore e ore. Sarei disposta a sacrificare un’ovaia per Dosto e un’altra per Cervantes. E darei volentieri un rene (vedi Nisbet/Luca/Conti/Anna Martini) per Tolstoj. La mia adorazione per questi dèi è totale, incondizionata. Se incontrassi Gabo, bacerei la mano che ha scritto ‘Cronaca di una morte annunciata’, mi offrirei di fargli la sguattera gratis, ma se entrassi in confidenza, gli direi che è un testa di cazzo ad appoggiare Fidel Castro che ha fatto morire Reinaldo Arenas. Se potessi incontrare Dostoevskij, farei anche in modo che la nostra conoscenza finisse dopo questo tributo. Non vorrei stirargli i calzini e nemmeno frequentarlo fino al punto da annullare la magia che deve separarci. Non vorrei trovarlo ‘noioso’, ‘cattivo’, come so che lo troverei. Se mi fosse dato conviverci, magari arriverei al punto di annoiarmi, di accorgermi che non scopa bene… e gli farei anche le corna. La Verità che gli scrittori ci danno passa attraverso il momento magico della creazione. Lo scrittore è come l’albatro di Baudelaire (il re degli spazi, che, costretto a zampettare sulla tolda della nave, viene deriso dai marinai per i suoi movimenti sgraziati). ‘Lo scrittore deve tacere quando ad aprire bocca è la sua opera’: sic Nietzsche. I lettori sono esseri ripugnanti: vogliono avvicinarsi al loro ‘dio’ per distruggerlo, vogliono poter dire ‘oh ma è una persona così simpatica, così alla mano’, salvo poi trovare che gli puzza l’alito. Quando lo scrittore scende dal piedistallo per annullare democraticamente le distanze, i lettori non staranno sullo stesso piano: prima o poi finiranno con il seppellirlo (fattolo scendere dal piedistallo, lo collocheranno sottoterra). Uno scrittore deve essere bravo, ma non importa che sia simpatico, e tantomeno deve essere disponibile con i suoi lettori. Ciò che ha fatto lo ha fatto scrivendo il libro. I lettori sono esseri ripugnanti quando hanno la possibilità di avvicinare uno scrittore. Vogliono annullare la distanza che li separa dal loro idolo, vogliono analizzarlo, fargli un’autopsia in vita. Vogliono vedere dov’è il genio, se è sotto l’ascella o fra i peli pubici. Uno scrittore che accetta il dialogo con i lettori è un povero pazzo suicida. I lettori sono i peggiori nemici dello scrittore. Vanno disprezzati e tenuti a distanza. Il dialogo con i lettori lo si fa soltanto attraverso i libri: lo scrittore ha parlato, i lettori assentiranno o dissentiranno. Il resto o è ipocrisia o è demagogia o è promozione ‘letteraria’.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: