La rabbia delle parole: Francesco Granatiero di Massimo Pamio


La rabbia delle parole: Francesco Granatiero di Massimo Pamio

Francesco Granatiero reca con sé la rabbia delle parole che furono seppellite nel tempo e dimenticate insieme con quelli che le proferirono, che furono negate, respinte, ignorate, destinate all’oblio.

Parole di sofferenza, di fatica, di moti rancorosi e nostalgie mai sopite, di crediti mai riscossi, di rivolte soffocate nel sangue, che si riferivano a tragedie avvenute sui posti di lavoro, che denunciavano secolari ingiustizie a cui la gente umile e senza potere andava incontro, condannata a non poter mai alzare il capo.

Quella folla senza volto e senza storia che non pensava (e forse non avrebbe mai dovuto immaginarlo) a un domani diverso, priva di alcuna cognizione del futuro, incatenata a un presente di sopravvivenza, non avrebbe mai neanche potuto ipotizzare che un eventuale riscatto non sarebbe passato attraverso le canoniche pagine degli storiografi, bensì attraverso la poesia o la canzone.

Foggia e il Gargano hanno dato la vita a due personalità che hanno risarcito tanti volti senza nome del loro passato, mi riferisco a Matteo Salvatore, cantautore, e a Francesco Granatiero, poeta dialettale. Matteo Salvatore ingannò perfino Italo Calvino raccontandogli che i testi da lui interpretati erano tratti da canzoni popolari risalenti al Rinascimento. La magia delle parole può dunque dar luogo a fenomeni strabilianti, straordinari: miracolosi.

Francesco Granatiero grazie a parole dialettali ormai neanche più in uso fa ribollire di nuovo il sangue di tante generazioni passate, e di questo è consapevole, tanto che l’io poetico dei suoi testi sogna ogni volta di mescolarsi alla terra, luogo di incontro dei vivi con i morti, delle parole del passato con il cantore del presente.

La valentia al mondo, l’essere “abile” dell’uomo nel mondo è prerogativa del passato: nonostante la scienza, l’uomo d’oggi, monco della manualità, è incapace di essere creatura “terrestre”, essenza di ciò che lo fa uomo:

E ttíene la mastrije

lu stafelére, ndréte

ndréte véje, a llu ngènete

lu munne, a lla mascíje

 

d’u uagnòune ch’aggire

la róte, de le curle

che spacche la paròule

– lu vurle – quanne tire

 

cuddu spéje o cummitte

legnòule trúene tràndele

o cróne lambe e ttrúene

de fúeche  abbúene abbúene

o stracque de stè citte

sfierre a lla tèrre, a u sòule,

pe la jónne cumbitte

de jastèime e ddespiette.

   

FUNAIO. – Ed hai la maestria / del funaio, indietro / indietro vai, al germe / del mondo, alla magia // del ragazzo che gira / la ruota, della trottola / che spacca la parola / – l’urlo – quando tiri // lo spago o torci / tiranti per buoi alberi cavalli / o corona di lampi e tuoni / d’immotivato fuoco // o stanco di silenzio / sferri alla terra, al sole, / con la fionda dei confetti / di bestemmie e dispetti.

Nell’ultima raccolta La chiéve de l’úrtela parola è stata sepolta, interrata per svelare il senso del tempo. L’autore ha stabilito un arnistizio con la storia degli uomini, con la durezza della pietra, con il sudore che orlava la fronte dei contadini pugliesi; non tutto è perduto, il risarcimento, sebbene il passato sia senza prezzo e impagabile, è stato compiuto: simbolicamente. Ora la parola risponde solo di se stessa, libera. C’è da aspettarsi perciò dalle nuove prove di Granatiero una nuova tensione, una nuova dimensione della parola finalmente risorta (o sopravvissuta) a se stessa

.

 

Giargianese” dice Granatiero ” è la lingua della poesia tout court, che è sempre una lingua diversa, spesso iniziatica, non pacificata, a suo modo rivoluzionaria, un dire a volte straniante, che si interroga e che sconvolge ogni convenzione”.

“Francesco non ha bisogno di presentazione” dichiara con aria soddisfatta Celestino Furii, presidente della Pro Loco mattinatese. “Da tempo, con i suoi lavori si è imposto all’attenzione di tutti noi. Egli, insieme a tanti altri studiosi garganici” insiste il presidente “ha contribuito in maniera fondamentale a dare forma e valenza di lingua scritta al ìdialettoî, talchè, emozioni, storie, sentimenti popolari possono tradursi in forma scritta e quindi fruibile. E tanto più questo sforzo è meritevole” gongola Furii “in quanto l’antica oralità, che trasmetteva l’anima popolare, tutto il suo vissuto, tutta la sua cultura, si è dissolta con la fine del mondo contadino. E’ quindi doveroso ringraziare Francesco” conclude “che, nella originale forma poetica, riesce a farci rivivere quelle emozioni”.

FRANCESCO GRANATIERO

POESIE GARGANICHE

Avvertenza

Il dialetto si legge come l’italiano, con alcune eccezioni:

/e,ë/ come nel fr. pauvre (tranne e congz.); /è,ê/ come nell’it. festa; /é/ come in sera; /ò/ come in notte; /ó/ come in sole; /j/ come la i di noia; /í/ e /ú/ chiusi e lunghi; /i,î/ tonico, in parole come matine quasi éi; /u/ in parole come rasule quasi öu; /s-/ e /s/ davanti a vocale, come in sale; /sci/ come nell’it. striscia; /scj/, /sc(î,ê,ë)/ e /(j)sce/ come nel napol. busciardo; /sck/ come sc nel napol. scarpa; /z/ sordo, come in marzo, tranne in nz (it. pranzo); /dz/ zeta sonoro rafforzato, come in azzurro.

Vinghie de stinge e dd’aulive

Ije aspettèive sckitte nu cummanne

e nglòppe u mule me sarrije menéte,

cumbagne a nnu lebbracchie,

pe nnu zumbe. Ma fóre m’allassive

spisse spisse, pli pulce e i mmuparèdde,

ndla irótte a ’nnusuléje

u scjusce de lu uínde ammídza l’ìlece.

Ije nge vulèive crèide ’a prima vòlete,

e appírse secutèive uatte uatte;

ma dòppe che me diste plu suuatte,

ije rumanìïe sule, e ppe nnu picchie

sckattuse, ’a sèire quanne te ne scîste

pla vije de lu muràteche jiréte

lu jemmetòune. Pó’ nghiangìïe cchiù:

plu córe annusulèive

u sckéme de lu sicchie a u freccecòune,

e ’a cruste devendèive unu cambijsce.

Cume putèive, ’a nòtte, pigghié súnne?

Melògne, vulpe e úmene suspètte

m’anghièvene la vadda de sfracchijsce.

Ije me retrèive, iréte u fúche, all’arte,

a nzerté vinghie de stinge e dd’aulive,

ped ammuccéje all’àleve,

pó’, sótte alla lettére, nd’a nnu sfunne,

nu bbèlle panarídde.

Vinchi di lentisco e d’ulivo. Aspettavo solo un tuo comando / e in groppa al mulo mi sarei gettato, / come un leprotto, / con un salto. Ma in campagna mi lasciavi / spesso spesso, con pulci e pappataci, / nella grotta ad ascoltare / il soffio del vento in mezzo agli elci. / Io non volevo crederci la prima volta, / e appresso ti venivo quatto quatto; / ma, dopo che mi désti col sovatto, / rimasi solo, e con un lagno dispettoso, / la sera quando te ne andasti / per la via ombrosa dietro / il ciglio del vallone. Poi non piansi più: / con il cuore ascoltavo / il gemito della secchia al forcone, / e la parete rocciosa [al poco lume] diventava tutta un pascolo [d’ombre]. / Come potevo, la notte, prender sonno? / Tassi, volpi e uomini sospetti / mi riempivano la valle di sfrascari. / Io mi ritiravo, al focolare, all’arte, / ad intrecciare vinchi di lentisco e d’ulivo, / per nascondere all’alba, / poi, sotto la lettiera, nel recesso più profondo, / un bel panierino. (da U iréne | Il grano)

 

Cafúrchie irótte iréve

Ije che véche truuènne

cafúrchie irótte iréve

affunne ped ascénne

a stuté quéssa fréve

 

e nd’u mmucòure schéve

p’i mméne, pe la pénne,

cchéd-èje che véche acchiènne

a u funne de ssa chéve?

 

Pót’èsse ca na fòsse

cravótte, nd’i famurre

la tèrre, scurde e mbósse,

 

opure n’atu sòule

ije sciòppe, n’at’adzurre

e alla mòrte paròule.

Tane grotte voragini. Io che vado cercando / tane grotte voragini / profonde per scendere / a spegnere questa febbre // e nell’humus scavo / con le mani, con la penna, / che cosa vado cercando / al fondo di questa cava? // Può essere che una fossa / io scavi, nelle viscere / della terra, umida e scura, // oppure un altro sole / scippo, un altro azzurro / e alla morte parole. (da Énece | Nidiandolo)

Paròule-énece

Paròule-stírche lòute

fanghe fumíre fèrevene

nfuquéte nd’i famurre

de nu munne sfunnéte.

 

Paròule andiche vóttene

scurdéte, scangeddéte,

refutéte: paròule ammurtaléte

mummuluscjéte.

 

Ije crépe sèrpe rúspe

vucídde vèstie vòlepa

sularine, paròule vècchie

pòrche nzine, ije veddiche

pile pénne scúrzele,

paròule spòrche.

 

Paròule-tèrre, paròule

jasteméte, ch’acque

nne sciacque, úgghie nn-ammòdde

mbicche ndulucisce,

paròule-chiéje, premeture,

paròule fatije de fegghianne,

paròule affunne, còrie

córe carne, cerevídde

stutéte, mangéte,

murtefechéte.

 

Paròule de múrte,

ràteche de murtèdde,

de trigne, de tume.

 

Paròule, avanzatòure

de stigghie uarnemínde,

funurigghie d’úgghie de lume,

mòria d’úgghie,

mammazze, renazze, rumasugghie

de memòria quagghiéte,

sculatòure de muste,

raretòure, scòrze (d’óve,

de fróttere, d’àruele),

scademènde, lajanèdde, secature,

scapatòure de súnne,

scurpicce d’àneme,

speculature, restucciume,

sckundatòure…

 

Paròule-énece

me chiamene sòule.

Ate munne, ate sòule,

ate cande de jadde

ajénghie l’óve

de la pujisije.

 

Paròule frevute,

a i labbre arascjéte me tòrnene,

fúche de Sand’Andònie.

 

A ddàrele audènzie ne ndróve

récchie p’accundàrele,

vrevegnuse.

Parole-nidiandolo. Parole-immondizia fango / limo letame fermentano / infuocate nelle viscere / di un mondo inabissato. // Parole antiche urgono / dimenticate, cancellate, / rimosse: parole umiliate / mormorate. // Io capra serpe rospo / uccello bestia volpe / solitaria, parole vecchie / porto in grembo, io ombelico / pelo piume pelle di muta, / parole sporche. // Parole-terra, parole / bestemmiate, che acqua / non sciacqua, olio non ammolla / né addolcisce, / parole-piaga, guidaleschi, / parole fatica di gravidanza, / parole profonde, cuoio / cuore carne, cervello / spento, mangiato, / mortificato. // Parole di morti, / radici di mirto, / di pruno, di timo. // Parole, avanzi / di attrezzi finimenti, / fondiglio d’olio di lume, / morchia d’olio, / feccia, tritume, frammenti / di memoria rappresa, / scolatura di mosto, / raschiatura di madia, gusci, / bucce, cortecce, / rimanenze, trucioli, segatura, / residui di sogni, / brandelli d’anima, / spigolatura, vanume, / olive cadute fuori dal telo… // Parole-nidiandolo / mi chiamano sole. / Altro mondo, altro sole, / altro canto di gallo / riempie le uova / della poesia. // Parole incandescenti, / alle labbra screpolate mi tornano, / fuoco di Sant’Antonio. // A dar loro ascolto non trovo / orecchi per raccontarle, / vergognoso. (Da Énece | Nidiandolo)

Annatavanne

 

È l’anima, straniera, sulla terra.

Georg Trakl

 

Óuejèje chése, u reggitte

de l’àneme? Da attàneme,

óue sò nnéte, mó spírte

e ddemírte, frustíre

retòrne, chilappure

chichédùne me sépe.

 

Óue mó stéche ne nzacce

se véche spatrijune

o stéche a stritte. Cèrte,

nesciune a mmè me cacce,

ma sènde ca l’assítte

sprefónne sótte i píte.

 

L’àneme nd’u tramóte

sté annatavanne, sóte.

Auméne pe nna sèrte

pembeduricchie i ssírpe

assuche l’umme ngúrpe,

la péne che me sèrre.

Altrove. Dov’è casa mia, il rifugio / dell’anima? Da mio padre, / dove sono nato, ora randagio / e sperduto, straniero / ritorno, chissà / qualcuno mi riconosca. // Dove ora sto non so / se vado senza meta / o mi trovo stretto. Certo, / nessuno mi caccia, / ma sento che la base / sprofonda sotto i piedi. // L’anima nel terremoto / è altrove, immobile. / Almeno con un serto / di bacche di tàmaro / asciugo il gemere in corpo, / la pena che mi serra. (da Scúerzele | Spoglia)

 

Fuqualite

a Giovanni Tesio

 

Vreccite, quatragnite,

crustéme jarse o mbósse,

bbianghite, tèrra rósse

o nérie, fuqualite,

 

puzzuléme, irassite,

tèrre, tèrre óue ce nfòsse

lu uèrme, tèrra iròsse

o fine, óue me mettita

 

mettite – cerevídde

vòcche úcchie còrie córe

veddiche ogne vedídde –

 

tèrre – nínde tavute –

ije quann’èje che me móre

me n’héja fé n’assute.

Terra di selci.Terra sassosa, terra argillosa, / crostame arido o umido, / magreta, terra rossa / o nera, terra di selci, // terra calcarea, grasceta, / terra, terra dove s’infossa / il lombrico, terra grossa / o minuta, dovunque // mi mettiate – cervello / bocca occhi cuoio cuore / ombelico artigli budella – // terra – niente bara – / io quando muoio / devo farmene un’abbuffata. (da Scúerzele | Spoglia)

Lu lèbbre

 

Lu lèbbre óue nasce móre

e ije mbòrme lu lèbbre

lu cúrpe a cquédda tèrre

vularrije rènne angóre

 

còrie córe celèbbre

mmesckéte allu mucòure,

a i rràteche e alla fèbbre

de l’èrve che lavòure.

 

Vurrije ca u cúrpe mije

cungrijésse n’aulive

p’u cúrpe fòrte e stúrte.

 

U sanghe ce arrecrije

nd’a ffrunne argínde vive

e ije ne nzò mmúrte.

La lepre. La lepre dove nasce muore / e io come la lepre / il corpo alla mia terra / vorrei rendere ancora // cuoio cuore cervella / mescolati all’humus / alle radici e alla febbre / dell’erba che lavora.  // Vorrei che il mio corpo / concreasse un ulivo / dal tronco duro e storto. // Il sangue si rallegra / in foglie argento vivo / e io non sono morto. (da Passéte | Usta/Passato)

Nnanda l’úcchie

 

Sèmbe ngóre me sènde

a ssasóra mòrte, nnanda

l’úcchie li pòrte, jòure

e mmumènde, quidd’úcchie

 

suue dólece e nd’i rrécchie

li pparòule chembúrte

cume n’ècche de súne

che ne mmóre, nu príscë

 

de súnne che ne ndòrme,

na frite sèmbe apèrte

che ngènne e nne nge séne,

che cevèjsce la péne.

Davanti agli occhi. Sempre in cuore mi sento / mia sorella morta, davanti / agli occhi porto in ogni / momento quegli occhi // suoi dolci e nelle orecchie / le parole di conforto / come eco di suoni / che non muore, una gioia // di sogno che non dorme, / una ferita sempre aperta / che brucia e non si sana, / che alimenta la pena. (Da Passéte | Usta/Passato)

 

 Sunètte

 

P’adèrge ssu sunètte

ne nd’accite l’appítte,

pure s’a ssètte a ssètte

li sckaffe a ccanze stritte,

 

avaste ca li mitte,

squatréte o a sckarde, sckètte,

teréte a ccurdalètte,

sètte e ssètte, a ddespítte

 

e, ssetuuéte, fòrte,

a zzippe e jjarche tunne,

ne nzònne cchiù pparòule,

 

sònne na maciaròule

ped affené lu munne,

pe ffé sckatté la mòrte.

Sonetto – Per fare il tuo sonetto / niente pena di petto, / anche se a sette a sette / le schiaffi belle strette, // purché trovino assetto, / squadrate o a schegge, schiette, / telegrafiche, rette, / sette e sette, a dispetto // e in costrutti siffatti, / a stecco e ad arco tondo, / non più parole metti, // ma pietre di muretti, / perché affinino il mondo, / perché la morte schiatti. (Da La chiéve de l’úrte | La chiave dell’orto)

Mutruscjarme

 

Mutrijé, mmulutrarme,

mmulutrijarme, óue dòrme,

ndla pagghiume, chembòrme

mule. Pó’ scutularme

 

nd’a cchiajune de pòlve,

scalpescjé, stambescjarme,

ca la irótte m’assòlve.

Sfergiarme, muletiarme,

 

nda l’èrve mutuliarme,

nd’a llettére o aletére

de tèrre mutruscjarme…

 

Ije ndènghe ate vulijsce:

lu repudde e mme pére

cchiù ddólece u mutrijsce.

Voltolarmi – Voltolare, involtolare, / involtolarmi, dove dormo, / nello strame, come / mulo. Poi scrollarmi // in lenzuola di polvere, / scalpicciare, calpestarmi, / ché la grotta mi assolva. / Spastoiarmi, voltolarmi, // nell’erba voltolarmi, / in lettiera o altare / di terra voltolarmi… // Non ho altro desiderio: / lo ripeto e mi pare / più dolce il voltolarmi. (Da La chiéve de l’úrte | La chiave dell’orto)

Francesco Granatiero è nato a Mattinata (Fg) nel 1949. Ha trascorso parte dell’infanzia e della prima adolescenza con il padre a lavorare nei campi. Ha perduto la madre all’età di quindici anni, quando già scriveva le sue prime poesie. Vive a Torino e lavora all’Ospedale di Rivoli come medico di laboratorio.

Dopo alcuni volumetti di poesia in lingua (editi dal 1967 al 1974) si è rivolto al dialetto: All’acchjitte (1976), U iréne (1983), La préte de Bbacucche (1986), Énece (1994), Iréve (1995), L’endice la grava (1997), Scúerzele (2002), Bbommine (2006), Passéte (2008), La chiéve de l’úrte (2011). Come poeta dialettale figura nell’Enciclopedia Treccani.

Parallelamente ha pubblicato: una grammatica storica del dialetto di Mattinata (1987); un dizionario dello stesso dialetto (1993); due dizionari di proverbi garganici (2001 e 2002); un profilo linguistico parascolastico dell’Apulia augustea, La memoria delle parole (2003); il Vocabolario dei Dialetti Garganici (2012); due raccolte di versioni poetiche in dialetto: Giargianese (2006) e Patrenústre ótte a ddenére (2009); un’antologia della poesia in dialetto del ’900 dauno, Dal Gargano all’Appennino, le voci in dialetto (2012). I suoi lavori linguistici sono utilizzati in opere come I dialetti italiani. Storia, struttura, uso, a cura di Manlio Cortelazzo e altri (Torino, UTET, 2002).

Si è occupato del coordinamento editoriale della collana «Incontri» diretta da Giovanni Tesio per Boetti & C. Editori di Mondovì. Ha collaborato con poesie, traduzioni e saggi a riviste come «Diverse lingue», «Lunarionuovo», «l’immaginazione», «incroci». Più volte finalista al Premio «Lanciano – Mario Sansone», ha vinto il Premio «Comune di Grado» al Biagio Marin, il Premio «Salvo Basso» e il Premio «Faraglioni di Puglia».

È presente in antologie come Primavera della poesia in dialetto a cura di Mario dell’Arco (Roma 1979-1981), Le parole di legno di Chiesa-Tesio (Mondadori 1984), Poesia dialettale dal Rinascimento a oggi di Spagnoletti-Vivaldi (Garzanti 1991), Via Terra, An Anthology of Contemporary Italian Dialect Poetry, a cura di Serrao-Bonaffini-Vitiello (New York, Ligas, 1999), Cinquanta poesie per Biagio Marin di Anna De Simone (F. Fabbri, 2009), L’ombra della stella di G. Tesio (Interlinea, 2012).

Di Granatiero si sono occupati, tra gli altri, G. Tesio, in varie prefazioni e in «Diverse lingue» (2, 1986), «Lunarionuovo» (45, 1987), «I Limoni» (14, 1995), «La Stampa – TuttoLibri» (9-3-2002); Giacinto Spagnoletti, in «SudPuglia» (2, 1988); Donatella Bisutti, in «Steve» (7, 1987) e «Il Belli» (4, 1992); Franco Brevini, in Le parole perdute (Torino, Einaudi, 1990); Gianni Oliva, in «Lettera dall’Italia» (Roma, Istituto della Enciclopedia  italiana, vol. 7, 25-28, 1992); Pietro Gibellini, pref. a Énece, cit.; Franco Loi, in «Il Sole 24 Ore» (18-2-96); Cosma Siani, pref. a L’endice la grava, cit. e in vari saggi e recensioni, come in «Rivista di studi italiani» (Toronto, XV, 2, 1997), «Il Belli» (2-3, 2002), «La Gazzetta del Mezzogiorno» (7-5-2010); Donato Valli, pref. a Scúerzele, cit.; Achille Serrao, postfaz. a Scúerzele, cit. e in «Carte di Puglia» (19, 2008); Franco Pappalardo La Rosa, pref. a Bbommine, cit. e in «l’immaginazione» (250, 2009); Sebastiano Valerio, in «Proa Italia», 3, 2010.

 images

 

Annunci
Contrassegnato da tag , , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Elisabetta P.

Creative storyteller

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: