LUCI DI VIAGGIO di SILVIA CASTELLANI


Da questa settimana collabora con il blog delle Edizioni Noubs Silvia Castellani, scrittrice di talento, che ci onoriamo di ospitare e che ci proporrà ogni settimana due interventi: suggestioni di viaggio, impressioni, e tutte quelle luci che ciascuno di noi può incontrare durante il suo misterioso viaggio: “Luci di viaggio” sarà appunto il titolo della sua rubrica bisettimanale: Auguri a Silvia e speriamo che tutti voi possiate godere le gioiose e delicate sinestesie con cui Silvia tratteggerà un’estate densa di emozioni luminose.

 

 

Silvia, nata a Rimini, vissuta in riviera per i primi 31 anni, trasferitasi a Bologna da tre anni, dichiara di sentirsi francese, senza sapere il perché.  Giornalista pubblicista, iscritta all’ordine dal 2008, ha al suo attivo alcuni libri, “Bene o male (?) non è un caso”  (Prospettivaeditrice, 2006) sotto lo pseudonimo di Vera Mente, con la prefazione di Andrea G. Pinketts, “Sbatti Generation”. Un progetto video, realizzato nel 2011:  “I salotti cre-attivi”.  Si occupa di fotografia. E’ risultata finalista al Mystfest di Cattolica. Ecco la motivazione: “Per aver tratteggiato la figura di un perdente alla ricerca della parte oscura della sua anima”. Con le Edizioni Noubs ha pubblicato il romanzo “Il mistero dell’elefante”, lungo racconto che prende immediatamente, come un thriller, ma straniante, misterioso, inquietante. Che cosa è successo a Vittoria? Perché è sola in un luogo sperduto d’Africa e ad aiutarla è un ragazzo di nome Sef, “con tutti i suoi pensieri strani, con tutti i suoi comportamenti ancora più strani”? Una stanza d’albergo di fortuna e un piccolo bagaglio a mano il cui contenuto è completamente ‘sbagliato’: un rotolo di carta igienica, una torcia elettrica e un libro di preghiere di Padre Pio. Vittoria non ricorda come sia approdata lì e perché; se solo si prova ad afferrare il ricordo, questo sfugge inesorabilmente.  Ci sono corse in taxi nella notte, medicine senza bugiardini, una veste troppo larga con troppi colori.

 

LUCI DI VIAGGIO (PAROLE SEMPLICI D’AMORE)

di SILVIA CASTELLANI

LUCI DI VIAGGIO  - PANORAMA VERDE

LUCI DI VIAGGIO – PANORAMA VERDE

Mi piacerebbe

un giorno

correre a perdifiato

sporcarmi di verde

senza ragione

senza sapere

 

un sorriso

lasciare

stesa

il cielo

guardare

vedere te

a fianco amore

e sentire

attraverso la tua mano

che il tempo

non è stato perduto.

 

Mi piacerebbe

ridere

e poi ancora

conoscere

soltanto attraverso i tuoi occhi

osservare

come un filo leggero

ci ha uniti

nell’animo

e che in fondo

dovevamo solo credere

che fosse possibile.

 

Mi piacerebbe

aprire le braccia grandi

grandissimo

abbracciare il mondo

di gioia

contagiare la terra.

 

(Mi piacerebbe)

Non smettere

mai

di ridere.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Elisabetta P.

Creative storyteller

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: