SOLO CHI TOCCA di TINO DI CICCO


Solo chi prova con tutto se stesso la propria radicale impotenza, la propria immutabile fragilità, l’irrilevanza di tutto quello che possiamo essere, può conoscere la “realtà”.

Gli altri, quelli esclusi dall’esperienza della contraddizione, del limite, del dolore, non possono che restare animali chiusi nella corazza dell’orgoglio e dell’arroganza.

E sono costretti a credere che miliardi di anni fa, l’universo si sarebbe messo in moto solo per garantire l’ultimo modello di smartphone ai nostri desideri.

L’uomo “moderno” è quasi solo così: nello specchio delle proprie brame vede solo il proprio io, come se l’io fosse veramente qualcosa.

Non sanno che “persona” era solo la maschera che copriva un’illusione. E noi moderni, maturi, razionali, a quell’illusione dedichiamo tutto quel poco tempo che è la nostra vita.

Ma come è stato possibile precipitare dalla nobilissima consapevolezza dei grandi tragici greci, alla “moderna” esaltazione del soggetto?

Come è stato possibile piegare l’idea di intelligenza, di giustizia e di amore, al servizio di uno scopo così poco nobile come il benessere dell’uomo?

La radice ebraico-cristiana ha contribuito molto.

Mai i greci avrebbero pensato che gli dei dell’Olimpo potessero essere al servizio delle ambizioni materiali o spirituali degli uomini.

Lo Yhwh degli ebrei è, invece, del tutto subordinato alle pretese territoriali e materiali di una piccola e arrogante tribù mediorientale.

Jeowa “è vivo e lotta assieme a noi”, profetizzava il Vecchio Testamento; e quest’alleanza tra una delle tribù degli uomini, e l’assoluto celeste, è il più grande tradimento mai realizzato contro la “verità”.

Eppure di questo tracotante sentimento noi siamo molto fieri; con esso noi dovremmo scrivere le nostre Costituzioni.

Dimentichiamo che il pane non è la verità dello stomaco; e la rappresentazione di una realtà più facilmente metabolizzabile dalle nostre paure, non è la verità della vita.

Naturalmente l’io si sente più sicuro se sa che nell’alto dei cieli c’è un Dio Onnipotente che giudica il bene e il male in sintonia con la sua morale e con i suoi valori sociali.

Ma se il pane non è la “verità” dello stomaco, ma solo un suo bisogno, neanche la credenza in un Dio a guardia della nostra salute e del nostro conto in banca può essere confuso con la verità.

I nostri bisogni non sono la “verità”; non lo saranno mai se siamo onesti; se riusciamo a resistere alla menzogna originaria – quella che presume che il Dio dei cieli si è alleato con noi, perché il niente che siamo diventasse qualcosa.

La differenza tra il “bene” e il “male” la fa sempre il distacco: un Dio che serve l’uomo è un servo (anche se è Onnipotente). Un dio che ignora l’uomo conosce il divino.

Anche un uomo distaccato da sé, dalla sua volontà, dalla sua natura, può essere un dio. E mai “dimenticanza” fu più dannosa per la gioia dell’uomo.

Ma adesso noi abbiamo nella nostra carne e nella nostra anima duemila anni di storia, durante i quali abbiamo giocato al riparo di un Dio Onnipotente; un Dio che ci somiglia nelle parole, nei pensieri e nelle azioni.

Così è stato difficile cercare la verità, se la verità era un piatto di lenticchie già pronto.

Senza la sofferta ricerca individuale della “verità”, agli uomini non restava che illudersi sul libero arbitrio e affidarsi al suo legittimo erede: il PIL.

Così abbiamo perso per sempre il sentimento della nostra fragilità, della nostra precarietà, della nostra tragica irrilevanza.

E senza questo sentimento era inevitabile diventare quello che siamo diventati.

 LA COPERTINA DEL PROSSIMO LIBRO DI TINO DI CICCOTino di Cicco cover3

Annunci
Contrassegnato da tag ,

2 thoughts on “SOLO CHI TOCCA di TINO DI CICCO

  1. alfio ha detto:

    Al giorno d’oggi solo quello che ci tocca è importante. Siamo diventati schiavi di un benessere che se non ci fosse stato ci avrebbe fatto vivere meglio. Ormai non abbiamo più la maschera siamo solo degli illusi. Quando non si aveva nulla si viveva meglio, eravamo esaltati avevamo speranze. Oggi, il benessere, quello che credono le persone possano avere, ha creato, mancanza di comunicabilità, tutto è diventato materiale, e per la materia il mondo è in rovina. Esistono forse ai giorni nostri le ambizioni spirituali? Una domanda retorica che a parer mio è già risposta. Oggi quello che regola il mondo è l’etere, l’economia, la tecnologia. Il pensiero più ambito oggi, dopo il potere è il desiderio dell’ultimo modello di I. Phone. Non c’è comunicabilità fra gli uomini. Tutto ciò per me è pesante…….

  2. giulia occorsio ha detto:

    Perché l’uomo contemporaneo ha sostituito ai valori spirituali, plusvalenze economiche, beni di consumo per stordire l’insoddisfazione del vuoto esistenziale, continuo monitoraggio di approprazioni indebite, sebbene profumatamente pagate, di oggetti e “pacchetti” di finto benessere. L’incomunicabilità fisica e mentale, viene raffinata attraverso uno scambio di messaggi virtuali che lasciano il tempo che trovano e, paradossalmente, occorre velocemente sostituire con nuovi e più immediati segnali di rimando digitale. L’era moderna consente di allargare finestre sul mondo in tempo reale, ma è in maniera virtuale che si reagisce a questo fenomeno globale .Ogni forma di comunicazione ha bisogno di riflessione, introspezione e ricerca; l’approfondimento di ogni problema ed argomento, necessita ancora della perduta filosofia del pensiero, dello scambio reale attraverso individui interessati alla conoscenza e dell’appassionata fede del libero arbitrio di scegliere e non aderire in massa ad eventi e conclusioni affrettate…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

Pensieri Sparsi

Sono molto di più di quello che scrivo. Sono tutto quello che cancello.

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Elisabetta P.

Creative storyteller

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: