CORCOS AL PALAZZO ZABARELLA DI PADOVA di Luciano Troisio


A Padova, nella sontuosa cornice dell’imponente Palazzo Zabarella si può visitare fino al 14 dicembre la mostra: Corcos. I sogni della Belle Epoque. Il percorso dell’antologica, con oltre cento opere, è incentrato sulla figura di Vittorio Corcos, affascinante protagonista della pittura italiana tra Ottocento e Novecento. Livornese, formatosi con Domenico Morelli a Napoli, ha frequentato vari luoghi, vari amici, e grandi personalità sia dell’alta borghesia che dell’aristocrazia. La mostra lo segue in Toscana, a Parigi, dove incontra Boldini e De Nittis diventando un protagonista della pittura moderna. I paesaggi en plein air, i molti ritratti di fanciulle, di grandi dame, di autorevoli personaggi lo rendono giustamente famoso.

La mostra ha scelto come icona promozionale dell’evento, il celebre Sogni, volto di ragazza allora considerato addirittura sfrontato, mentre oggi sarebbe preferibile eventualmente sottolineare il vuoto dell’assenza, degli occhi (cui il Nostro teneva in modo particolare) che fissano l’infinito e il vacuo dell’inesistente. Ma i volti, gli occhi incantevoli sono molti, le opere di bellezza straordinaria sono dozzine. Non tutto è allo stesso livello; in alcune si può notare una matronale pesantezza quasi da istantanea non felice e talvolta affiora un’urgenza di concedersi troppo ai desiderata dei committenti, una attualità mondana che tiene conto del concreto.

In lettura sul mare, 1910 circa. Olio su tela, cm 130 x 228, coll. privata

In lettura sul mare, 1910 circa. Olio su tela, cm 130 x 228, coll. privata

Alcuni grandi formati meritano una sosta, anche perché sono bene illuminati e soprattutto perché fanno molto riflettere. Tutti citano giustamente Le istitutrici ai Campi Elisi, certo un capolavoro, e ce ne sono altri, come ad es.: La lettura sul mare, del 1910, affascinante, simbolico, centrale, gozzaniano, scandito da quel volto enigmatico, intrigante, dai due giovani vestitissimi (Corcos, che in gioventù ha vinto anche un premio per il miglior nudo scolastico, sembra temere, fuggire la nudità. Uno dei curatori commentando un’opera, usa l’aggettivo scollata, e infatti un paio di modelle hanno una leggera scollatura, ma nulla più; abbastanza insolito considerando che spesso la location è direttamente sulla spiaggia). Il rifuggire la nudità permette all’autore di concentrarsi su complicati abiti e accessori di gran lusso, di sfoggiare il suo mestiere anche troppo, con felice, esuberante manierismo di se stesso (ma anche, forse, alludendo a celebri colleghi, come ad es. Boldini, ispiratore instancabile di instancabili generazioni).

L’abito come moderna protesica alternativa alla bellezza del corpo.

Paolina Clelia Silvia Bondi, 1909 Olio su tavola, cm. 54x46 Collezione privata

Paolina Clelia Silvia Bondi, 1909
Olio su tavola, cm. 54×46
Collezione privata

E c’è un’altra grande singolare tela che rappresenta una signora in piedi, assieme ai suoi cinque figli. Purtroppo l’immagine non è presente nel dischetto fornito. Un vero peccato, perché ci sarebbe da dire molto, anche su quei volti: ognuno guarda in una direzione diversa, vive per i fatti suoi. È probabile che ciascuno posasse da solo, così la ragazzona ancora adolescente a sinistra esiste in un suo mondo, i (probabili) fratelli più giovani in un altro.

Une élégante, 1887 Olio su tela, cm. 65x42 Collezione privata

Une élégante, 1887
Olio su tela, cm. 65×42
Collezione privata

Ho letto alcuni commenti sul Corriere: più che della pittura di Corcos parlano della Belle époque, delle sue ingiustizie sociali, della sua cattiveria. Questa è anche l’epoca in cui Gozzano parte per l’India con l’amico Garrone, Hesse invece sta tornando dall’Asia. É la crepuscolare generazione dell’etisia, che colpisce anche i ricchi, per quanto i personaggi di Corcos siano pressoché esenti dal negativo, il positivo se lo possono comperare, non sembrano preoccuparsi troppo del prossimo, semmai soffrono di malattie più sofisticate, quelle che prima si chiamavano melancolia (ora anche isteria).

E che dire della Visita in convento? Un soggetto che ha interessato molti pittori di molti paesi. Quella ragazza non è certo felice; sarà parente di Geltrude?

È un vero peccato che alle mostre non esistano divani, panche, non si possa sedere, sostare a piacere, dialogare con l’opera. Probabilmente si tratta di problemi di sicurezza. Proprio volendo, si può anche tornare, acquistare il catalogo, approfondire la conoscenza del pittore e dell’epoca, che ormai sta per essere spazzata via dalla guerra di Libia e dalla Grande Guerra. Ma Corcos continuerà il suo successo: nel 1922 esegue il ritratto della Regina Margherita, nel 1931 il principe Umberto gli commissiona il luminoso ritratto della consorte Maria José.

 Maria José, S.A.R. principessa di Piemonte, 1931 Olio su tela, cm.123,8x104,7 Collezione privata

Maria José, S.A.R. principessa di Piemonte, 1931
Olio su tela, cm.123,8×104,7
Collezione privata

Questa elegante antologica si raccomanda non solo per ripercorrere la straordinaria vicenda del pittore livornese attraverso un considerevole nucleo di capolavori, ma anche per affiancarvi numerose opere inedite di tutto rispetto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: