IL SOSIA ZERO DI NICOLAS ALEJANDRO CUNIAL


Proseguiamo la pubblicazione di testi di giovani poeti italiani. Il panorama odierno è complesso, vario, forse incircoscrivibile: proprio come la poesia desidera. La vivacità di questi autori ci fa capire come la letteratura sia ancora pulsante, come la ricerca della conoscenza passi attraverso un discorso sempre più complesso, intimo e nello stesso tempo profondo. Grazie a questi giovani la possibilità di uscire dalla “palude” (si veda il saggio di Comandini da noi ripreso il 16 novembre, https://noubs.wordpress.com/2014/11/16/la-palude-della-letteratura-italiana-di-claudio-comandini/ è resa attuale speranza. Dopo Ambra Simeone, ecco un’altra voce notevole, molto giovane, vibrante, pronta a colpire ipocrisia e retorica: quella di Nicolas Alejandro Cunial. Ve lo assicuriamo, diventerà un grande poeta. A lui come ad Ambra facciamo i nostri più cari auguri di una lunga e scoppiettante vita poetica.

Testo tratto da Il sosia zero di prossima pubblicazione per Edizioni La Gru.

INT. POZZO NELLA CASSA TORACICA – NOTTE

L’anestesia di quest’alba sporca, arrugginita

soffusa dal vino e macchiata dalla sigaretta,

permette di riflettere su ciò che non siamo:

né pane, né fame, né delitto, né dolce sete.

Vorrei arrestare il cardiosintomo che mi lega

ma temo di fermare il tempo che si disgrega

mentre scrivo l’ennesimo verso anfetaminico.

La meccanica dei nostri pianti ha fallito, ora

è giunto l’attimo per far saltare il banco e

faremo un salto, io e te, insieme ma distanti

precipiteremo nell’oblio dei nostri corpi:

e sarà la gravità a contenerci le risate,

il lungo riposo del fondo ci aspetterà in asse.

Un SUONO SECCO su schermo nero interrompe l’inquadratura spezzandola per un secondo.

Non sei più nel mio cerchio. Circondato

da me medesimi in posa come finti demoni

non c’è paura, solo il sapere: l’unica via d’uscita

è la vittoria contro i miei gemelli, i miei pari

solo così tornerò, intero e reale, ai tuoi estuari.

FADE TO

BLACK

NICOLAS ALEJANDRO CUNIAL

NICOLAS ALEJANDRO CUNIAL

Nato nel 1989 a Mendoza, ha sempre vissuto nel NordEst Italia ed è laureato in Scienze Politiche. Ha pubblicato con Edizioni La Gru, rispettivamente nel 2012 e 2013, le sillogi Pillole di carne cruda e Carie di città (3° classificato – migliori libri 2013 – al Liberi di scrivere Award 4° edizione). È stato inserito nelle antologie poetiche Guadagnare soldi dal caos, Edizioni La Gru, 2013, Le mele di Eva, Coop, e Spesa finita, si torna alla vita? in quanto finalista del premio Coopforwords 2013 e 2014. Collabora con la rivista online Conaltrimezzi e il quotidiano OggiTreviso, dove si occupa di letteratura. È vice Presidente della LIPS – Lega Italiana Poetry Slam, conduce e partecipa attivamente agli slam. Oltre ad averne vinti alcuni, è stato tra i 20 finalisti al primo campionato nazionale della Lega ed è inoltre stato inserito nel censimento dei poeti under 40 dall’associazione Pordenonelegge. Fa parte del collettivo di scrittura Sixx e le sue opere sono attualmente rappresentate dall’Agenzia letteraria Edelweiss.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: