MUORE A 99 ANNI RICCARDO “BARTOLO” DI RUSCIO


Si è spenta oggi la vita di Riccardo “Bartolo” Marcello Di Ruscio, uno degli ultimi pionieri della rinascita d’Abruzzo, un vero eroe da Far West, che, nato nel piccolo paese di Tollo, non aveva mai conosciuto il padre, morto in seguito alle ferite riportate in guerra nel 1915, il giorno di San Bartolomeo. Una crocerossina che assisteva il padre nell’ospedale militare di La Spezia raccolse e trasmise alla diretta interessata l’ultimo desiderio espresso dal morente, riguardante il nome del bimbo che la moglie teneva in grembo, che si sarebbe dovuto chiamare, se fosse stato maschio, Riccardo, Marcello, Bartolomeo. Riccardo e Marcello erano i nomi di un fratello e di un cugino pure loro morti in guerra. Questo avvenimento è stato uno dei punti di riferimento della vita stessa di “Bartolo”, trascorsa nel ricucire pazientemente i fili del destino del suo paese, distrutto dai bombardamenti della seconda guerra mondiale. Grazie alla sua opera alacre, in qualità di amministratore pubblico, egli contribuì alla ricostruzione e alla rinascita civile, sociale ed economica del suo paese; fu il promotore e l’instancabile organizzatore della creazione della Cantina Sociale di Tollo, che oggi rappresenta una delle aziende vinicole più importanti del Meridione, dove si produce e si esporta la maggior quantità del pregiatissimo oro nero d’Abruzzo. La battaglia che egli combatté nella sua esistenza fu diretta non solo alla rinascita economica dei suoi concittadini ma soprattutto fu volta a rafforzare in loro i principi della democrazia, della libertà. Egli improntò la sua vita a un alto rigore morale, urgenza che spesso coincideva con un forte atteggiamento critico, in vista di un mondo migliore in cui si potessero evitare proprio quei conflitti che avevano recato tanto dolore all’umanità, sfociando nelle guerre mondiali. Egli sognava un mondo dove la convivenza civile trionfasse rigettando ogni discriminazione, dove la solidarietà, la libertà, la pace, la fratellanza, l’uguaglianza di fronte alla legge non fossero state soltanto parole vuote, ma un effettivo esercizio dello spirito per una sincera e generosa condivisione del bene comune.

Bartolo era la memoria storica di Tollo, spesso intervistato da giornalisti (compare anche in un film di Fabrizio Franceschelli e Anna Cavasinni), dagli studenti di ogni scuola e grado, memoria che aveva voluto affidare anche alle future generazioni mediante la pubblicazione di 6 libri e di molti altri opuscoli e scritti vari, tra i quali “Memorie di Tollo” (Noubs, 1997), “Memorie di Tollo – Dalla Ricostruzione alla Cantina Sociale” (Noubs, 1999), “Memorie di Tollo – La storia recente” (Noubs, 2004), “Memorie dsi Tollo – Dalle vecchie usanze alla vita attuale” (Noubs, 2006), “La mia vita – Satire, ricordi, poesie” (Noubs, 2012), “Diario di guerra e altri scritti” (Noubs, 2014).

Con la scomparsa di Bartolo se ne va non solo la sua vita, ma tutta quell’affollata carrellata di personaggi, di fatti, di vicende, di persone dai nomignoli più strani, di aneddoti spesso umoristici che egli narrava, testimone ultimo e appassionato di un mondo che aveva avuto il coraggio di rinascere dalla guerra e dalla miseria con ideali nuovi e generosi, di fratellanza, di solidarietà, ideali dei quali sembra che non siamo più degni, oggi che una ricchezza conseguita forse in modo non del tutto meritata ci ha resi avidi, razzisti, irriconoscenti, privi del più elementare rispetto del bene comune, privi di una “patria” comune. Che l’esempio fulgido di Bartolo possa ispirare le nuove generazioni, insegnando loro la speranza che un mondo migliore si può sempre sognare e a volte si può anche realizzare. Come nel caso dell’eroico Bartolo. Noi non abbiamo bisogno nel nostro Paese di eroi che si facciano giustizia da soli, di ronde e di armi, ma di persone forse anche modeste che siano capaci di amare e di rispettare gli altri, capaci di creare dialogo, ricerca, innovazione, di contribuire a migliorare la società, in nome di alti ideali, facendosi attraversare da una grande tensione etica, non dimenticando mai gli ultimi, che sono il sale della terra.

RICCARDO MARCELLO BARTOLOMEO DI RUSCIO

RICCARDO MARCELLO BARTOLOMEO DI RUSCIO

Annunci

One thought on “MUORE A 99 ANNI RICCARDO “BARTOLO” DI RUSCIO

  1. Fabrizio Franceschelli ha detto:

    Molto bello l’articolo che avete pubblicato su Bartolo. L’abbiamo incontrato nel corso della nostra ricerca sulla memoria della guerra e poi siamo tornati a trovarlo più volte per un saluto. Sempre disponibile, affettuoso, davvero un uomo di altri tempi. Purtroppo abbiamo saputo solo ora… E pensare che eravamo a Tollo il giorno 10, di ritorno da Canosa a Chieti, e gli avremmo volentieri fatto visita, per l’ultimo commiato.
    L’unico nostro rammarico è che (l’abbiamo conosciuto nel 2005) nel corso di dieci, lunghi anni abbiamo proposto più volte agli amministratori del Comune di Tollo di proiettare il nostro documentario “La LInea Gustav”, nel quale c’era la preziosa testimonianza di Bartolo – insieme a quella di una decina di altri suoi concittadini – e purtroppo è mancata la sensibilità di capire che si poteva fare, che anche a Tollo si poteva presentare quel film.
    Bartolo ne sarebbe stato felice e gli avremmo regalato un piccolo momento di gratificazione, di orgoglio per aver contribuito con energia alla sua realizzazione. Ma, che dire, su RAI STORIA l’hanno replicato per ben 27 volte ed è stato visto in tutto il mondo. A Tollo, invece, non si è voluto fare neppure… una sola volta.
    Possiamo permetterci questa piccola nota polemica, in linea con il temperamento di Bartolo, uomo desideroso di amicizia, di affetto, di fratellanza e di solidarietà, ma anche sempre in prima linea nel fare, nell’agire, e anche nel contestare, quando era necessario.

    Addio Bartolo.

    Fabrizio Franceschelli e Anna Cavasinni

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: