FATTORI A PADOVA di LUCIANO TROISIO


GIOVANNI FATTORI A PADOVA

03

Fino al 28 marzo 2016, al Palazzo Zabarella di Padova si può visitare la mostra di Giovanni Fattori, un centinaio di opere scelte, compresi 10 fogli di acqueforti.

Tra i maggiori protagonisti della pittura europea del secondo Ottocento, Fattori è stato un artista straordinariamente versatile che si è cimentato con tematiche e generi diversi: dal paesaggio al ritratto, dalla pittura di storia contemporanea alle scene di vita popolare.

L’esposizione è curata da Francesca Dini, Giuliano Matteucci, Fernando Mazzocca, autori di importanti saggi pubblicati nel catalogo Marsilio.

Il percorso della mostra ricostruisce attraverso un avvincente taglio cronologico/tematico, la personalità e gli ideali dell’artista, che emergono grazie alla potenza di una pittura interprete delle trasformazioni avvenute durante il mezzo secolo decisivo per le sorti dell’arte moderna: dalla rivoluzione dei Macchiaioli, in cui ha avuto un ruolo di primo piano, affidata ai piccoli formati delle leggendarie tavolette, al raggiungimento, nei grandi formati, di una dimensione epica, dove si riflettono i mutamenti storici e sociali che nel frattempo hanno trasformato il nostro paese.

Nei drammatici capolavori della maturità, espressi con un linguaggio che va oltre la dimensione della denuncia, per raggiungere una prospettiva universale, Fattori è stato lucido interprete della delusione di una nazione, uscita dal Risorgimento, che non ha saputo realizzare quegli ideali di giustizia sociale in cui le giovani generazioni avevano creduto. Questa è la sua grandezza che ne ha fatto subito un classico paragonato addirittura ai maestri del Quattrocento.

La sua ultima meta è stata la Maremma toscana, che grazie ai capolavori dei suoi ultimi anni, è entrata nel mito come la Polinesia di Gauguin o la Provenza di Cézanne.

A contatto con scenari naturali diversi, quando evoca nei suoi quadri a tema militare le vicende del nostro Risorgimento, con gli uomini di cui sa rendere sia la condizione esistenziale che quella sociale, il suo stile cambia continuamente, dalla splendida pittura a macchie colorate e abbagliate delle tavolette giovanili, ai ritratti, alle visioni più drammatiche caratterizzate da una nuova impostazione prospettica, e da un disegno sempre più potente dei dipinti della maturità, sino alla deformazione delle ultime opere che sembrano davvero anticipare nella loro modernità le avanguardie del Novecento.22

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Le mille e una Tavola

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: