LA STORIA CHE TENDE ALLO SLOGAN di MASSIMO PAMIO


Ai nostri giorni, la storia tende allo slogan, ovvero a coincidere con un’immagine – la figura sfuggente del potente – e con una frase alquanto icastica, tanto più semplice quanto più immediata e “popolare”, “democratica”, poiché accessibile a tutti. Di queste frasi efficaci ma prive di intelligenza fungono da cassa di risonanza le notizie ripetute fino all’inverosimile dai mass media, “titoli” da copertina, “slogans”, appunto, trascritti direttamente sui social (da Twitter a Facebook) che annunciano la novità.

jesusjeans2

Ogni potente viene identificato tramite la sua massima del giorno, forse nemmeno, perfino scambiato per un altro, troppo facile confondere slogan e facce. Non quello che compiamo o realizziamo, non l’azione progettata e risolta fino alla realizzazione, con tutte le conseguenze che ne scaturiscono, non un comportamento sono degni di memoria. Il nostro presente è un indefettibile ineludibile essere consegnati alla piattezza alla banalità alla mancanza di contenuti, perché la vita e il pensiero di un uomo non possono riassumersi in una sola frase, non riconducibile ai sentimenti, alla passione che l’animano, che l’accompagnano e la nutrono.

we can do it

Tutto viene ridotto al minimo indispensabile. I potenti trascorrono senza lasciare alcuna traccia, consegnati a quanto di più labile si possa concepire, apparendo come ombre che svaniscono nel teatrino d’un aforisma, nella volgarità di un improperio, nella dabbenaggine di una minaccia, nella virulenza di una accusa, declinando ogni responsabilità quali marionette sull’impiantito di una scena che non concede luci, sentimenti, ragioni, motivazioni, scelte, ma solo l’estemporaneità di una battuta da commediante, da comparsa, l’agilità ridicola e grottesca di una piroetta da ballerina di terza fila. Se qualche decennio fa Andy Warhol sosteneva che anche un imbecille avrebbe avuto diritto in futuro a dieci minuti di successo, oggi si può affermare che anche il più potente uomo della storia viene seppellito nei pochi secondi che gli sono concessi per esprimere uno slogan, travolto dall’impietosa maliziosità di una storia che non ha più bisogno di protagonisti e che azzera, nullifica, perché ogni avvenimento possa sussistere, subito sostituito e cancellato da un altro, dal successivo e così via. Che possiamo dire dei nostri padroni? Non giudicabili per una frase, non condannabili né giustificabili se non per un errore di grammatica, non derisibili, forse solo soggetti a correzioni compassionevoli. La validità della storia è affidata ai correttori di bozze. Tutto questo è ordito dal presente a danno del passato e del futuro.

arcob

Il presente è assoluto, l’unico mondo, l’unico modo per essere. Si è all’istante. Ogni personalità che conta nella società forse non è portato a credere fino in fondo al proprio slogan, dunque non lo incarna. Ne deduco che ogni slogan, falso, segna la distanza tra l’uomo e la sua umanità, tra l’uomo e il suo fine. L’umanità si sta perdendo in una approssimazione all’impressione fuggevole della vita, a ciò che del presente fornisce l’illusione del movimento, dell’azione.

ora-pavesini1

In verità tutto è fermo, è cioè allo stadio zero dell’impressione, dello sguardo furtivo, del piccolo furto che ciascuno può compiere del reale, tutti noi immobilizzati dall’istante, nel sempre dell’istante. Che cosa favorisce tutto questo se non l’illusione d’esserci? L’illusione d’esserci da valutare come uno slogan, appunto, come un’indeterminata e indefinita risposta al nulla di cui oggi abbiamo piene le tasche.

Annunci

One thought on “LA STORIA CHE TENDE ALLO SLOGAN di MASSIMO PAMIO

  1. […] Sorgente: LA STORIA CHE TENDE ALLO SLOGAN di MASSIMO PAMIO […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: