IL GIORNO DELLA MEMORIA (per Massimo Pamio)


Pian piano il calendario gregoriano si sta infettando di giorni del ricordo, celebrazioni molto dignitose istituite per non dimenticare chi siamo veramente: il giorno dedicato alla memoria dei Caduti della prima guerra mondiale, quello dedicato ai caduti della seconda, l’altro ai Martiri della resistenza, quello alle vittime delle foibe, e poi della fede cattolica, del razzismo, fino a giungere a quello di recente istituzione, dedicato alla sempre più nobile memoria delle vittime della letteratura dell’orrore, che sarà comunque preceduto dal giorno dedicato alla memoria delle vittime dei libri di Fabio Volo e del cinema apocalittico.

Non sarebbe più semplice creare un solo giorno dedicato alla memoria di tutti i delitti perpetrati dall’uomo nei confronti dell’umanità, il giorno dell’homo homini lupus, in cui ognuno piange e si dispera e si rimprovera per i propri eccidi? I cinesi ricorderanno Mao che fece fuori un milione di connazionali e gli attuali governanti che hanno fatto sparire tanti giovani nella piazza della pace celeste, i russi correranno con la memoria a Stalin e ai lager e alle deportazioni, i belgi al milione di congolesi uccisi, gli statunitensi ricorderanno la strage degli indiani e le migliaia di guerre condotte in Vietnam e in tanti altri paesi, gli spagnoli quella degli Indios del Centro e Sudamerica, i cambogiani le epurazioni di Pol Pot, gli argentini verseranno lacrime e si batteranno il petto per i desaparecidos, i turchi per gli armeni e ora per i curdi, i sudafricani bianchi per la segregazione razziale, i tedeschi per gli ebrei, gli ebrei per i palestinesi, i palestinesi per gli attentati commessi, infine per giungere ai più vicini, gli italiani si batteranno il petto per gli etiopi, i somali, i libici, senza dimenticare i martiri innocenti delle guerre; i confinanti slavi dovranno piangere l’eccidio dei bosniaci e quello degli infoibati italiani, i francesi per gli algerini,  gli svizzeri per gli uccellini degli orologi a cucù. Insomma, a tirare le somme, sarà un giorno pieno per tutti, tutti i popoli, le razze, le religioni (non dimentichiamo neanche le guerre tra i sessi, le vittime della violenza sessuale) e infine, ultime ma non proprio in fondo al culo del barile, le minoranze (i derelitti, i poveri, gli indifesi, i bambini, le donne, i nomadi, gli esuli, i migranti, i barboni, i vecchi, i gay, le lesbiche, i terroni, i polentoni, i lettori di Tex Willer), le vittime di sempre.

Sarebbero invece da istituire i giorni della memoria in cui gli uomini sono riusciti a combinare qualcosa di buono, soprattutto dal punto di vista morale: il giorno delle Opere Pie di Madre Teresa di Calcutta, il giorno del Sogno di Martin Luther King, il giorno del Sorriso, il giorno dell’Albero piantato e non estirpato dal Comune per la solita lottizzazione tra intimi, il giorno dell’Energia Verde, il giorno dell’Ozio questo Sconosciuto, il giorno dello Stupore, il giorno dell’Innocenza, dedicato ai bambini e agli alberi, il giorno dei pochissimi giornalisti italiani coraggiosi che dicono pane al pane e vino al vino, il giorno del ritrovamento del mio portafogli da parte di un gentile signore che non ha voluto facessi il suo nome: beatifichiamolo, subito.

14-400x335giorno-della-memoria-latina-Levi

 

 

 

 

Annunci

3 thoughts on “IL GIORNO DELLA MEMORIA (per Massimo Pamio)

  1. sabatino ciocca ha detto:

    Ad una certa età si dimenticano le cose. Ecco perché amo le ricorrenze. Si celebrano appassionatamente perché per un paio di minuti ci torna la memoria.

  2. luciano pellegrini ha detto:

    E la festa della mamma, del papà, dei nonni, i fidanzati, la festa della donna,… oddio… feste,ricorrenze, è tutto un affare! Ora c’è anche la ricorrenza della FESTA DELLA FELICITA’, ma ci dimentichiamo della MORTE DEL PIANETA! Auguri a tutti!

  3. […] Massimo Pamio, “Il giorno della memoria”, «Edizioni Noubs» 21.04.2016. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Elisabetta P.

Creative storyteller

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

I buzz into your head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: