MARE MOSTRUM DI SABATINO CIOCCA


MARE MOSTRUM 2016

 

Tutto cominciò quando un cugino in seconda del ministro della Salute in vacanza  a Martinsicuro, dopo aver dragato il fondale alla ricerca di telline, se ne tornò in albergo a mani vuote.

La sera stessa, allertata da una tempestiva telefonata del presidente del  Comitato Nazionale per la Salvaguardia e la Valorizzazione dei Mitili,

la presidentessa dell’Associazione Bagni Sicuri in Acque Pulite telefonò a sua volta ad un’amica di Tortoreto Lido chiedendo notizie sullo stato di salute dei bambini ospiti della locale colonia estiva.

Non riuscendo a chiudere occhio, quella notte la presidentessa decise di stilare un programma quinquennale di manifestazioni sull’inquinamento delle acque marine abruzzesi, e un j’accuse sui danni della pesca a strascico su bagnasciuga, j’accuse che all’indomani, di buona ora, si apprestò a consegnare alla Stampa.

Ma torniamo al nostro pescatore di telline. Ebbene, di costui non c’è dato sapere se poi, indispettito dalla magra, abbia tentato una più fruttuosa raccolta in altri tratti della regional costa, né se fosse un ambientalista prezzolato provocatore volutamente dedito alla pesca sui tratti marini in prossimità delle foci dei fiumi. Fatto si è che alcuni giorni dopo, il Ministero della Salute  promulgò l’annuale rapporto  sulla qualità delle acque di balneazione italiane sentenziante il mare abruzzese in agonia.

Cotanta notizia gettò nel panico l’assessore regionale al ramo che s’affrettò a condividerlo con il suo presidente, il vicepresidente, il sottosegretario alla presidenza anche assessore alla Caccia,Pesca ed Economia del Mare.

– Il 99,9% delle acque abruzzesi è balneabile. Di questo dato, il 99,9% presenta una balneazione “eccellentissima”, il resto “eccellente”. È questo lo stato di salute delle acque regionali che emerge dai numeri in possesso dei nostri uffici preposti, numeri che sono stati oggetto di una “elaborazione erronea e fuorviante” da parte del ministero della Salute, dati che penalizzano oltremodo il territorio e vanificano l’operato del Presidente che di persona ha provveduto a turare la mobilità trasportistica fogniaria illegale trovante sbocco nel nostro mare –

Dagli Appennini alle onde, dal Tronto al Trigno si levò di subito la regionale indignazione, capofila il  presidente di una delle quattro Province più colpite dai divieti di balneazione.  L’ignaro amministratore era stato portato a conoscenza di quell’attacco all’economia abruzzese da una telefonata di un bibitaro del fu bandiera blu S.Vito Chietino, a tempo perso suo elettore, preoccupato del tracollo di vendita delle gazzose.

Non potendo ormai ignorare la faccenda, il bravuomo decise di convocare tutti i sindaci dei Comuni rivieraschi di sua pertinenza così da unire le forze per stilare un documento di protesta

– Turisti, cittadini e bibitari possono stare tranquilli. La costa  della nostra provincia è interamente balneabile. Per la restante parte non ho elettori da rassicurare –

Sentitosi chiamare in causa, scese allora in campo l’assessore con delega al Turismo che, in nome degli operatori economici suoi tradizionali elettori incitò i concittadini  a un collettivo bagno a mare, obbligando nel contempo  i familiari a dare il buon esempio, dopo aver stipulato una polizza vita in loro favore.

Intanto l’assessore regionale all’ Ecologia e Ambiente, dandosi del capace mentre cercava allo specchio l’espressione più adatta per la sua indignazione ufficiale, congetturava tra sé e sé se per caso quel ferale pescatore non avesse adoprato una retina acchiappatelline a maglie larghe. Imprecando sul fatto che il ministro della Pesca e Acquacultura avrebbe dovuto imporre un retino acchiappatelline standard per l’intero territorio nazionale, si sforzò di pensare alle contromisure da adottare.

– A spese della Regione saranno distribuite a tutti gli operatori del settore acchiappatelline con reti regolamentari così da ripristinare la verità. Già lunedì invieremo al ministero della Salute un nostro dossier su tutti i dati di rilevazione omogenei;  contemporaneamente il nostro  presidente, con la solerzia che gli è propria,  si recherà con la trasportistica viaria a chiedere giustizia al presidente del Consiglio così che pretenda giustizia dal Presidente emerito dello Stato per l’operato improvvido del ministro della Salute, e ancor prima a Bruxelles, con la trasportistica aerea–

I proclami e le polemiche sul presunto stato comatoso delle regionali acque infuriavano ormai da giorni allorquando a un  deputato dell’opposizione in scadenza di mandato, non si sa come, nè da chi suggerita, venne la “dritta” di un’interpellanza parlamentare in proposito.

Ma com’è possibile che a Termoli il mare è pulito e a Vasto no? – si chiese dubbioso avendo finalmente  intuito la gravità del momento  – Chiederò lumi direttamente al ministro della Salute – si ripromise, il solo convinto che il Ministro in questione ci capisse qualcosa.

Sabatino Ciocca

1358

Annunci

One thought on “MARE MOSTRUM DI SABATINO CIOCCA

  1. luciano pellegrini ha detto:

    E’ il paradosso della presa in giro! A pochi metri l’acqua cambia… quì si può bere… lì ti viene la diarrea! Ed i cittadini, pecoroni, si pongono domande, ma alla fine, c’è chi regala qualcche euro, e si accontentano!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: