Archivi tag: Massimo Avenali

LETTERA D’AMORE XII EDIZIONE – I VINCITORI – ASCANIO CELESTINI PREMIO INTERNAZIONALE – TUTTI AL MUSEO DELLA LETTERA D’AMORE


Mercoledì 8 Agosto 2012, alle ore 21.00, presso il Parco del Palazzo Ducale Valignani di Torrevecchia Teatina (CH), alla presenza del Sindaco Katja Baboro, si svolgerà la cerimonia di premiazione delle lettere vincitrici la XII edizione del Concorso internazionale “LETTERA D’AMORE”, promossa e organizzata dall’Associazione Culturale “AbruzziAMOci” con il patrocinio del Comune di Torrevecchia Teatina. La giuria composta da Massimo Avenali, Chiara Fiori. Vito Moretti, Massimo Pamio, Giuseppina Verdoliva, ha reso noto i nominativi dei premiati.

Al primo posto ex aequo Maria Jatosti e Manfredo Di Biasio, al secondo ex aequo Antonella Ortolani e Walter Lazzarin, al terzo posto ex aequo Maria Rosaria Perilli e Mariateresa Stella. Segnalati i testi di: Grazia Di Lisio, Antonio Di Carlo, Antonella Iacoli, Giulia Valsecchi, Marisa Tolve, Crescenzo Invigorito, Stefano Santosuosso,  Giuseppe Mandia, Vanes Ferlini, Stefano Sprecacenere. Presenzierà in qualità di ospite d’onore Ascanio Celestini, attore, regista, scrittore e drammaturgo romano, che riceverà il Premio Internazionale “Lettera d’Amore”, che la giuria ogni anno assegna a una figura illustre del mondo culturale italiano e straniero.

In tale occasione, il giovane cantautore teatino Paolo Fiorucci, con la sua band, si esibirà nell’esecuzione di brani e cover inedite tratte dal suo repertorio. Presentatori della serata i giornalisti Marina Moretti e Giuseppe De Micheli. La lettura dei testi sarà a cura di Federica D’Amato e di Giovanni Adriani.

Sarà visitabile gratuitamente il Museo della Lettera d’Amore.

I vincitori della XII edizione del Premio Lettera d’amore:

Maria Jatosti è scrittrice romana, autrice di 6 romanzi -il primo, “Il confinato”, è stato finalista al Premio Viareggio nel 1961- e di 4 raccolte di poesia.

Manfredo Di Biasio è poeta di Fondi (Latina), autore di ben dieci raccolte di poesia, e di due di prosa.

Ospite d’onore, cui sarà assegnato il Premio Internazionale “Lettera d’Amore” è:

Ascanio Celestini (Roma, 1º giugno 1972) è un attore teatrale, regista cinematografico, scrittore e drammaturgo italiano. È considerato uno dei rappresentanti della seconda generazione del cosiddetto teatro di narrazione: i suoi spettacoli sono fatti di storie raccontate e sono preceduti da un lavoro di raccolta di materiale lungo e approfondito. L’attore-autore fa quindi da filtro, con il suo racconto, fra gli spettatori e i protagonisti dello spettacolo. L’attore in scena rappresenta se stesso, anche quando parla in prima persona: è qualcuno che racconta una storia.

Quasi tutti i suoi spettacoli sono diventati libri, ma in particolare Storie di uno scemo di guerra (premio Bagutta, Premio Fiesole Narrativa Under 40 e votato libro dell’anno dagli ascoltatori del programma Fahrenheit di Rai Radio 3 e La pecora nera (premio Anima) nascono come veri e propri romanzi. Nel 2006 partecipa al film Mio fratello è figlio unico di Daniele Luchetti. Nel 2007 gira il documentario Parole Sante che racconta la vicenda di un collettivo autorganizzato di lavoratori precari d’Atesia, del più grande call center italiano situato a Cinecittà Due, nella periferia di Roma. Anche questa opera fa parte del progetto che da due anni lo vede impegnato nel tentativo di raccontare cosa significa la lotta di classe in un tempo nel quale si riesce con difficoltà a intuire che esista ancora una coscienza di classe; viene presentato al Festival internazionale del film di Roma nella sezione Extra. Contemporaneamente esce il suo primo disco, anch’esso intitolato Parole sante, dove sono raccolte le canzoni presenti negli spettacoli, nel documentario e alcuni inediti. Il disco ha ricevuto nel 2007 il Premio Ciampi come Miglior debutto discografico dell’anno e il Premio Arci “Dalla parte Buona della Musica”. Un grande successo ha avuto il libro pubblicato da Einaudi Io cammino in fila indiana. Nel 2009 gli sono stati assegnati il premio Cultura dell’incontro e il Premio Volponi dedicato alla letteratura d’impegno civile, nonché premio speciale Dessì. Dal suo libro La pecora nera è stato tratto un film che ha vinto il Ciak d’Oro come miglior esordio e il Premio della giuria ad Annecy, e Celestini ha vinto il premio come migliore interpretazione maschile al Sulmona Cinema Festival. Tra gli ultimi spettacoli teatrali, Pro Patria, del 2011.  Ha partecipato alla trasmissione televisiva The show must go off, condotto da Serena Dandini.

Il Museo della Lettera d’Amore

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

ANTONIO E LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI CHIARA ZACCARDI


Antonio, giovane scrittore, ci scrive una bellissima lettera relativa alla presentazione allo Spazio Feltrinelli di Pescara del romanzo di Chiara Zaccardi, “I peggiori”.

La riportiamo, ringraziandolo per averci concesso l’autorizzazione alla divulgazione del testo.Eccola:

Voglio congratularmi con voi per la presentazione del libro di Chiara Zaccardi. Perché, al di là dello stimolo che avete mosso in me e penso in tutto il pubblico nel voler leggere questo libro, mi sono piaciute le vostre riflessioni sul mondo dell’editoria. Sono decisamente d’accordo con voi su quanto espresso in sala: ormai troppi piccoli editori pubblicano esordienti soltanto dietro compenso in modo da coprirsi le spese nel caso in cui il libro non venda e grandi editori puntano su personaggi già affermati che offrono qualche migliaia di copie sicure. Io stesso, prima di essere contattato da voi, ho ricevuto telefonate da alcune case editrici che su internet si descrivevano serie e competenti e senza aver neppure letto il mio romanzo mi hanno “offerto” contratti a pagamento con obbligo di acquisto di centinaia di copie. Mille, mille e cinquecento euro. Spiccioli per loro, non per me, lavoratore part time e figlio, orgoglioso, di operaio. Questi comportamenti umiliano, ma non soltanto l’autore: umiliano la poesia, la letteratura, l’arte. Allo stesso modo i grandi editori che pubblicano i libri scopiazzati di Fabio Volo o chiedono di scrivere cento pagine a Flavia Vento: uno schiaffo a mano aperta a tutti i giovani che con impegno versano inchiostro e inchiostro e inchiostro, sporcando tonnellate di carta bianca, con la speranza e il sogno di condividere con un pubblico i propri pensieri, ideali, riflessioni. Per questo ho apprezzato ciò che avete detto durante l’incontro: perché siete sembrati, e credo siate davvero, una casa editrice diversa, che se crede in un autore premia il suo lavoro. Solo se crede davvero in questo autore.

Anche la scrittrice, Chiara, mi è piaciuta. Da quanto mi è sembrato di capire siamo coetanei. Mi è piaciuto il suo modo di intendere la nostra generazione, pur avendo io una visione del tutto opposta. Io non riesco a giustificare i giovani come me, non riesco a discolparli: io sono cinico e senza compassione su alcuni temi. Per me quando si arriva all’età della maturità ognuno è protagonista di se stesso: mi sembra un alibi incolpare sempre e soltanto i genitori, l’ambiente, la società. Peppino Impastato era nato in una famiglia di mafiosi ed ha combattuto contro la sua famiglia stessa: dove ha raccolto i suoi ideali? Rita Atria lo stesso ed entrambi, in modi diversi, hanno pagato con la vita il meraviglioso peso di questi ideali. Giuseppina Pesce, che ha denunciato tutta la sua famiglia affiliata alla ‘ndrangheta.
Tuttavia, da buon ammiratore di De André, non posso che rimanere affascinato da chi, al contrario mio, indaga e scopre la pietà anche nell’ultimo degli uomini, si interroga sul perché abbia agito in quel modo, si chiede dove abbiano sbagliato famiglia, ambiente, società. E’ un lusso questo che non credo di avere e di cui faccio merito a questa ragazza che avete scoperto e che con piacere, appena avrò la possibilità di comprare il libro, leggerò.

Complimenti anche al ragazzo e alla ragazza che sono intervenuti a mediare l’incontro, mi sono piaciute le domande del ragazzo, del tutto non banali ed ho subito il fascino della cultura letteraria e della capacità espressiva della ragazza. Di tutti ho apprezzato la sincerità: non si respirava quella sufficienza solita delle presentazioni per cui dietro la scrivania tutti sorridano forzatamente, sperando che assecondando il pubblico questo compri il libro.

In ultimo, vi dico che anche soltanto essere stato contattato da voi mi riempie di orgoglio.

Vi ringrazio dell’attenzione e mi scuso perché mi rendo conto che sono stato lunghissimo!

Antonio Di Carlo

Contrassegnato da tag , , , , , , , ,

CHIARA ZACCARDI A FELTRINELLI A PESCARA


Chiara Zaccardi con il suo romanzo d’esordio “I peggiori” (Edizioni Noubs) allo Spazio Feltrinelli di Pescara, con relatori Federica D’Amato, Massimo Avenali e Massimo Pamio. Attacco frontale di Massimo Pamio al mondo culturale italiano sempre più disattento e dipendente dal mercato. Il 99% dei libri che escono sono pura immondizia, afferma. Roberto Melchiorre, scrittore e docente, replica dicendo che i tempi non sono molto cambiati, se Leopardi con le “Operette morali” fu sconfitto a un concorso letterario. Federica D’Amato alle solite banalità espresse da un uditore che parla del problema della famiglia odierna in cui  scompare la figura del padre, replica da par suo dimostrando come la società sia cambiata e come oggi il mondo vada visto con gli occhi di Lacan e non con quelli di Freud. Masimo Avenali rivolge domande all’autrice, interpellata anche dal pubblico. Un incontro vivace e denso di notazioni e implicazioni letterarie, sociologiche, etiche.  Chiara conclude in bellezza due giornate intense di incontri molto fruttuosi e culturalmente ricchi.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

CHIARA ZACCARDI A PESCARA IL 18 MAGGIO CON “I PEGGIORI”


VENERDI’ 18 MAGGIO,

ore 11,30

incontro con gli studenti del Liceo Scientifico Da Vinci di Pescara

ORE 17,00

Presso la Libreria Feltrinelli – Via Milano – Pescara

Presentazione del libro “I PEGGIORI” di CHIARA ZACCARDI

(Edizioni Noubs)

Introducono: Federica D’Amato – Massimo Avenali – Massimo Pamio

Sarà presente l’Autrice

Contrassegnato da tag , , , ,

NO TARGET MOVEMENT – MANIFESTO POESIA ISTERICA


Il No Target Movement, movimento d’avanguardia, ci propone il manifesto della poesia isterica.

Chieti 2012-03-25

MANIFESTO DELLA POESIA ISTERICA

 Questo è il Manifesto del Primo Movimento di Pseudoavanguardia del secolo XXI

 1 Noi vogliamo liberare la poesia dal buio della psiche;

 2 Vogliamo liberare i traumi e i desideri rimossi per proiettarli nella luce della performatività;

 3 Noi vogliamo glorificare il gesto isterico come nuova bellezza;

 4 Noi non vogliamo cantare. Vogliamo urlare, dimenarci, fare la bava dalla bocca; contorcerci negli spasmi addominali e in questo coglierne la grazia;

 5 Da ogni luogo della terra si agiteranno corpi, strepiteranno donne. Sette miliardi di bocche urlanti libereranno la poesia;

 6 Noi spezzeremo l’immobilità pelosa e dolorosa della letteratura e dell’arte;

 7 Una forza nuova dominerà il mondo;

 8 Incolpevolmente orineremo e defecheremo sulle cattedre dei Sapienti, sugli scranni dei critici, sulle poltrone dei detentori della verità e del potere culturale, sulle loro clientele e relazioni extraconiugali;

 9 Guai a voi che avete lucrato sull’isteria, che busserà alla vostra porta quando meno ve l’aspetterete

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , ,
Emergenza Cultura

In difesa dell'articolo 9

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

Condìta Armonia

Autobiografia culinaria

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

solovignette.it

Quotidiano di satira illustrata

Anna&H

sono approdata qui

Linguaggio del corpo

Bodylanguage & PNL

And Other Poems

New poems to read every week.

filmcritica rivista

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio. ✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Quelli con la gonna che strascica un po' per terra, gonfiata sul di dietro dalla tournure? Quelli con i corsetti strettissimi e i colletti alti che solleticano il collo? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

lagunaweblog

La narrativa è la più esigente delle fidanzate

Nel vento...

Pensieri e dintorni

L'Inconfessabile

ciò che non si può dire lo scrivo

Cristina Khay Blog

La Vita e' un Fiore*

lamentesepolta

0, 1, 2, ecc. - si.tormento@gmail.com

Parole Inconsistenti

Appunti di scrittura di Luca Romano

Briciolanellatte Weblog

Navigare con attenzione, il blog si sbriciola facilmente

miglieruolo

La vita è sogno

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: