GIUSEPPE CINA’ – L’ARBULU NOSTRU


Un profumo intenso, l’accecamento del sole, il flagello del vento, sotto un ideale albero d’ulivo, pagine d’ulivo intarsiato, parole d’ulivo, e tutto ruota attorno, e nulla riposa, nel cammino naturale del mondo, a cavallo del tempo. Sono le suggestioni che mi hanno donato le poesie di “L’arbulu nostru” poesie di Giuseppe Cinà (La Vita felice, pp. 138, pref. di Velio Abati, 14 euro), che recano il ruvido, scabro, essenziale sguardo delle maschere di Antonello e di Vincenzo Consolo; una natura sopravvissuta agli Dei nella crudeltà e nel bisogno carnefice di vivere.

(Massimo Pamio)

Poesie di Giuseppe Cinà da L’arbulu nostru

La cugghiuta e lu pittirrussu

Spunta

anticchia arrassu

poi satarìa

cantu cantu l’alivara

si ferma, a finta d’abbiccari

nni squatra mpittatu e accortu

cerca cumpagnia

cuddìa

e cu lu pizzu s’azzizza li pinni

namentri ca cripitìanu cutuliati

li virdi gemmi maculati d’autunnu.

Poi va, torna

e vulannu si mprofuma

cu sti iurnati frischi

di San Martinu

ma periculusamenti s’abbicina

mmenzu a la riti già aisata di lu viddanu

c’havi ancora sangu cacciaturi.

La raccolta e il pettirosso

Arriva/ un poco discosto/ poi saltella/ al limitare dell’olivo/ si ferma, finta di beccare qualcosa/ ci studia impettito e vigilante/ cerca compagnia/ rigira il collo/ e col becco s’accomoda le penne/ mentre crepitano bacchiate/ le verdi gemme macchiate d’autunno.// Poi va, torna/ e nel volo s’improfuma/ di queste fresche giornate/ di San Martino/ ma pericolosamente s’addentra/ nella rete già sollevata dal contadino/ che ha ancora sangue cacciatore.//

Cu amurusanza

Quannu cogghi l’alivi

un spugghiari l’àrbuli completamenti

pigghia sulu chiddu giustu.

Quannu la natura arma li so cunviti

li mmitati un semu sulu nuatri

idda havi a nutricari a tutti

allura lassa chiddi cchiù àvuti

ca sunnu puru difficili di cògghiri

e si chiovi ti vagni finu a li sciddi,

lassali cu amurusanza

sarannu manciari pi na Proserpina nustrali

e certamenti pi li turdi e lu pipituni.

Napocu finirannu nterra

criscenti pi sparaci e funci di ferla

rigulìzzia di li vurpi.

Con generosità

Quando raccogli le olive/ non spogliare gli alberi del tutto/ prendi solo il giusto.// Quando la natura provvede i suoi banchetti/ gli invitati non siamo solo noi/ lei deve nutrire tutti/ e allora lascia quelle più in alto/ che sono anche difficili da raggiungere/ e se piove ti bagni fino alle ascelle,/ lasciale con benevolenza/ saranno cibo per una Proserpina nostrale/ e di certo per i tordi e l’upupa.// Molte cadranno a terra/ lievito per asparagi e funghi di ferula/ liquirizia delle volpi.//

Tri frati

La granni chianca di unni crìscinu

l’ammustra, sunnu figghi di lu stessu patri

c’anticamenti un fùrmini lu squagghiò

ma campò cu novi razzini sarbaggi.

Un viddanu fici tri nziti

tri novi àrbuli crisceru vicini e forti

ma àvutri fochi distinaru diversi sorti

unu s’abbruciò

un àvutru turnò sarbàggiu

e unu sulu, cuttuttu c’arristò lesu

esti vivu e continua a fari fruttu.

Unu dici “ma chi c’è di fari?”

Sarbari li vivi (nzitari arreri lu sarbàggiu)

e vurricari li morti (tagghiari chiddu abbruciatu)

chistu tocca fari.

Tre fratelli

Il grande ceppo da cui crescono/ lo rivela, sono figli dello stesso padre/ che anticamente fu incenerito da una folgore/ ma sopravvisse con nuovi polloni selvatici.// Un contadino fece tre innesti/ tre nuovi alberi crebbero vicini e forti/ ma altri fuochi decisero diverse sorti/ uno è bruciato/ un altro è tornato selvatico/ e solo uno, benché leso/ vive e continua a dare frutti.// Uno si chiede “ma che possiamo fare?”/ Salvare i vivi (innestare di nuovo il selvatico)/ e seppellire i morti (tagliare quello bruciato)/ questo tocca fare.//

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Come cerchi nell'acqua

ogni pensiero, azione, parola si propaga nello spazio....

Neobar

"Noi non siamo mai esistiti, la verità sono queste forme nella sommità dei cieli." Pasolini

àbac

textos equinocciales

Llave De Emociones

“Nuestra capacidad para amar es nuestra verdadera inteligencia".

Implied Spaces

Between Realities

FreeWords Magazine

dove il pensiero diventa parola

cuoreruotante

Le cose belle hanno il passo lento

i Feel Betta

Feed your Inner smile!

pagine che amo

Just another WordPress.com weblog

Poeti d'Abruzzo

Focus Po-etico sul territorio abruzzese

from the morning

le passioni infernali mai conosciute prendono fuoco nella casa vicina.

Poetella's Blog

"questo sol m'arde e questo m'innamora"- Michelangelo

Anna&H

sono approdata qui

And Other Poems

Simply a website of poems

filmcritica blog

cinema filosofia inconscio lingua polis scrittura

Gio.✎

Avete presente quegli scomodi abiti vittoriani? Ecco. Io non vorrei indossare altro.

AnItalianGirl

Sii chi vuoi, ma se sei te stesso è meglio!

Edilio Ciclostile

buzzing head

operaidelleditoriaunitevi

Just another WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: